Pradè furioso: “Gol di Okaka regolarissimo e il mani di Larsen non era da rigore”

20
Daniele Pradè

Il direttore generale dell’Udinese, Daniele Pradè, a fine partita ha commentato gli episodi arbitrali che, a suo dire, hanno danneggiato i bianconeri

Il direttore generale dell’Udinese, Daniele Pradè, a fine partita commenta furioso gli episodi arbitrali di Torino-Udinese. “La partita la dovevamo pareggiare. La VAR è stata fatta per i grandi errori: il gol di Okaka non era da annullare, non può essere impallato il portiere da un calciatore che è a 12 metri da lui. Allora non tiriamo più da fuori area. Il portiere la legge benissimo la traiettoria, semplicemente non arriva sul pallone. Il Var va usato per i grandi errori, non per un tiro da fuori area. Diventa difficile così. Non è possibile, gli passa vicino, il portiere la legge benissimo e semplicemente non ci arriva”.

Pradè: “Il fallo di Larsen non mi sembrava rigore”

Pradè ha poi parlato anche del rigore richiesto dal Torino a fine primo tempo per il fallo di mano di Larsen in area. Rigore però non fischiato da Guida: “L’arbitro doveva andare a vedere al Var l’episodio del primo tempo ma quello di Larsen non mi sembra rigore”.  Ancora il dirigente friulano: “Noi ci giochiamo tutto ogni partita: un punto è vita”.

Please Login to comment
16 Comment threads
4 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
18 Comment authors
TBenvenutileonardo (Cairo,le scuse sono finite)bmarcoGiankjc (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro) Recent comment authors
  Iscriviti  
più nuovi più vecchi
Notificami
T
Utente
T

Beh… ha totalmente cannato la squadra, dovrà renderne conto ed è nel panico più completo. Ci sta che reagisca male. Però… alla fin fine sono solo caxxi suoi

Benvenuti
Utente
Benvenuti

Se lo facevano a voi un gol così in fuorigioco! !! E poi avete avuto il rigore e noi molto più evidente con il difensore Ke sostituisce il portiere xcio stai zitto. E dovete sudare la salvezza.

bmarco
Utente
bmarco

Ma Prade’, va a caghe’