Al termine di Torino-Palermo 3-0, in conferenza stampa non si è presentato Ivan Juric ma il suo vice Matteo Paro

Dopo Torino-Palermo 3-0, Ivan Juric non si è presentato come di consueto in conferenza stampa ma al suo posto c’è il vice Matteo Paro: “Il mister è molto concentrato sull’aspetto tecnico, sull’allenare i ragazzi e non vuole perdere energie su discussioni varie. Per quello sono qua io oggi, per commentare l’aspetto tecnico della partita. Per tutto quello che riguarda il mercato si è detto tanto, tutti sanno di cosa abbiamo bisogno, con la società il confronto è continuo”.

Juric: “Prima avremo i nuovi i giocatori meglio è”

Sulla partita: “Nel primo tempo eravamo un po’ troppo vogliosi, questo ci ha portati a essere un p’ troppo disordinati in campo e abbiamo subito qualche ripartenza. Nella ripresa ci siamo aggiustati, abbiamo un po’ calmati i ragazzi che hanno costruito di più e fatto bene”.

Sul mercato: “Abbiamo perso 8 giocatori importanti e dobbiamo sostituirli, noi come staff lavoriamo sul campo e aspettiamo novità. Ogni allenatore e ogni staff ha bisogno di tempo per costruire qualcosa, per cui prima avremo nuovi giocatori e meglio è”.

Paro ha poi parlato di Radonjic: “Radonjic è u giocatori che ha giocato in squadre importati, ha qualità da grande giocatore, ha spunto, tecnica, tiro, tante armi a sua disposizione per essere pericoloso. Ma deve migliorare sotto alcuni aspetti”.

Juric: “Izzo fuori per scelta tecnica”

Su Buongiorno e Seck: “Buongiorno ha fatto un bel percorso, lavora molto, è molto concentrato e in partita poi si esalta. Noi ci facciamo molto affidamento. Su Seck ha giocato ancora poco e si è allenato ancora poco, deve migliorare nella fase di finalizzazione, spero ci metta poco a crescere. Deve trovare anche un equilibrio e stabilità”.

Infine sui tanti non convocati e su Milinkovic-Savic: “Izzo, Zaza e Verdi non convocati? Si è trattata per tutti di una scelta tecnica la loro non convocazione. Milinkovic-Savic titolare? Aveva fatto bene nel precampionato e abbiamo deciso oggi di puntare su di lui, già l’anno scorso c’era stato un dualismo con Berisha e continuiamo così”.

Matteo Paro
Matteo Paro
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 06-08-2022


95 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
tore110
tore110
7 giorni fa

Ma da due personaggi che ridacchiano come al bar a fine partita , cosa pretendete? Qui stiamo parlando di gente a cui non frega un caxxo di niente e nessuno , il loro primo pensiero è fare soldi e basta . E la cosa più brutta è che solo lui… Leggi il resto »

ardi06
ardi06
7 giorni fa
Reply to  tore110

Infatti

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
7 giorni fa
Reply to  tore110

in effetti cairo e vagnati che ridevano come avessero visto chessò il derby, o come se si volessero bene come fratelli, faceva un po’ ridere
Vagnati lo conosco poco; di cairo non mi sorprende piu nulla

davidone5
davidone5
8 giorni fa

Juric quello che deve dire lo dice e lo aveva già detto dal campionato scorso, c’è bisogno di buoni giocatori per compensare quelli partiti e migliorare il decimo posto. Juric programma ma TDC non ci sente, i soldi non li ha mai tirati fuori e non li tirerà mai fuori… Leggi il resto »

rimbaud
rimbaud
8 giorni fa
Reply to  davidone5

Ciao davidone volevo solo segnalarti che purtroppo Zaza e’stato proprio preso da petrachi. Forse pensando che Belotti sarebbe stato venduto

davidone5
davidone5
7 giorni fa
Reply to  rimbaud

È vero hai ragione mi sono confuso.

rimbaud
rimbaud
8 giorni fa

Guardare forse la decisione di fare parlare paro è stata la migliore possibile per il bene della squadra. È inutile juric non ce la fa, è nervoso vuole i rinforzi e avrebbe solo fatto casino e creato ulteriore rumore attorno al Toro. Quindi la.decisionr di non parlare magari è stata… Leggi il resto »

Jones
Jones
8 giorni fa
Reply to  rimbaud

parlerà a fine mercato penso,come in parte è anche giusto che sia

Le pagelle di Torino-Palermo: Radonjic inarrestabile, per Lukic serata da incorniciare

Pellegri: “Da Belotti ho imparato tanto. L’Europa? Se ci crede il mister possiamo farcela”