Il Corinthians ha rescisso il contratto dell’ex granata Danilo Avelar, a causa di una frase razzista. Ma ora deve valutare il da farsi

Di Veronica Guariso / Francesco Vittonetto – Danilo Avelar non sarà più un giocatore del Corinthians. L’ex Cagliari e Torino è da giorni al centro delle polemiche, in Brasile, per una frase pronunciata durante una sessione di gaming online. Il brasiliano ha appellato un avversario come “figlio di una ragazza ne**a”. Le conseguenze sono state immediate, così come le accuse di razzismo. Il club proprietario del cartellino, alla fine, ha preso la decisione più drastica. Ma adesso andranno concordate le modalità di interruzione del rapporto di lavoro. E in un certo senso questo riguarda anche il Toro, che aspetta dal Timao l’ultima rata da circa 750.000 euro, metà della cifra pattuita nel 2019 per l’acquisto del calciatore.

Le scuse di Avelar dopo l’accaduto: “Ho perso la testa”

Avelar ha subito ammesso il suo errore: “Quello che ho scritto durante la partita non corrisponde a quello che insegnerò a mio figlio. Ho perso la testa, ma purtroppo ho peggiorato la situazione. Ho fallito e mi sono vergognato tantissimo“. Si è poi scusato tramite la nota condivisa sui social: “Voglio chiedere scusa a tutti, nessuno escluso, soprattutto con la comunità afro-discendente. Questo errore mi ha aperto gli occhi sul grave problema che affligge la nostra società. Dobbiamo fare di più per combatterlo. Chiedo scusa al Corinthians, istituzione che da sempre predica e lotta contro le disuguaglianze, con il Fiel Torcida, e tutti i miei compagni“.

Il Corinthians deve ancora poco meno di un milione al Toro

Le scuse non sono bastate. Il Corinthians ha infatti scelto di agire con il pugno di ferro, optando per la peggiore delle punizioni: rescindere il contratto al difensore. Con lui occorrerà, ad ogni modo, trovare la via (anche economica) per mettere fine al rapporto di lavoro. E in un qualche senso questo riguarda anche il Torino, come si diceva in apertura. Il club granata aspetta dal Timao l’ultima tranche degli 1,5 milioni pattuiti per il riscatto di Avelar nell’estate 2019, che dovrebbe ammontare a circa 750.000 euro. La situazione va monitorata, perché è da vedere se il club brasiliano accetterà di pagare per intero un calciatore non più in rosa. Nel marzo scorso, tra l’altro, il ritardo nel pagamento della prima rata aveva portato il Toro a rivolgersi alla FIFA. Allora le cose si erano risolte senza clamore, dal momento che il Corinthians aveva poi versato per intero la cifra pattuita.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 24-06-2021


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ale_maroon79
ale_maroon79
3 mesi fa

Cosa centra il Toro con questo episodio? Se il Corinthians l’ha comprato deve finire di pagarlo punto e basta.
A meno che non ci fossero strane clausole all’interno della vendita, quel che Avelar ha combinato per farsi licenziare sono solo fatti suoi e del Corinthians.

Vagnati-Spal, il legame non si spezza: le trattative, dai calciatori ai dirigenti

Diretta / Toro.it LIVE: le ultime di calciomercato