Dopo quasi quindici mesi Danilo Avelar è tornato a calcare un campo di serie A: non giocava da Torino-Chievo del 7 febbraio 2016

Ora sì: Danilo Avelar può finalmente tirare un sospiro di sollievo, lasciarsi alle spalle mesi molto difficili e guardare con fiducia al futuro dopo il suo nuovo esordio in serie A. Il terzino non giocava una partita ufficiale da Torino-Chievo Verona del 7 febbraio 2016: circa quindici mesi fa. Ironia della sorte, a fare da sparring partner al brasiliano al suo nuovo debutto in granata c’era proprio la squadra veneta, anche se la partita è stata giocato in uno sfondo diverso: non più il Grande Torino (all’epoca ancora chiamato stadio Olimpico) ma il Bentegodi, ovvero quello stesso impianto in cui, nel settembre del 2015, iniziò il suo calvario a causa di un infortunio al menisco. Contro i gialloblù di Maran, Mihajlovic ha tenuto in campo Avelar per quasi tutta la partita (fino all’83’) ma con ogni probabilità al numero 26 sarebbero bastati anche meno minuti per essere felice e accantonare definitivamente nel cassetto dei ricordi sia i problemi al ginocchio che quelli muscolari.

Felice per il rientro e anche per la vittoria” ha commentato proprio Avelar a fine partita attraverso un post su Instagram ma, ora, per il terzino arriva il difficile: guadagnarsi la conferma nel Torino. Nella rosa di giocatori a disposizione di Mihajlovic ci sono attualmente ben tre terzini sinistri: Barreca, Molinaro e appunto Avelar. Difficile, se non addirittura impossibile, che tutti e tre possano rimanere, considerando anche il fatto che nella prossima stagione il Toro sarà impegnato solamente su due fronti (campionato e Coppa Italia) e non dovrà giocare nessuna manifestazione europea. Se per Barreca la conferma è praticamente certa, per Avelar e Molinaro è invece tutta da conquistare: uno solo tra i due il prossimo anno dovrebbe vestire ancora la maglia granata. L’italiano al momento è in vantaggio sul brasiliano nel ballottaggio e proprio per questo motivo, in questo finale di campionato, l’ex cagliaritano dovrà cercare di trovare altro spazio per convincere Mihajlovic di poter continuare a far parte di questa squadra.


31 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
odix77
odix77(@odix77)
4 anni fa

Se pensassimo solo alle qualità del giocatore sarebbe da tenere senza se e senza ma…. quando ha giocato da noi le prime 6-7 gare aveva fatto vedere ottime cose…. superiore sia a barreca che a molinaro…. poi si è spaccato, e rispaccato e questo lascia parecchi dubbi…..direi che si dovrebbe… Leggi il resto »

mansell
mansell(@mansell)
4 anni fa

Considerando che Carlao può giocare anche in fascia e che Molinaro a 34 anni ha giocato 7 partite… dovessi scegliere su uno dei due punterei sul buon Danilo, senza ombra di dubbio.

Grazia (granatina)
Grazia (granatina)(@granatina)
4 anni fa

A seguito di una sola partita giocata dopo più di un anno di stop direi che parlare di incubo realmente finito sia del tutto fuori luogo.

Toro, il presidente Cairo in visita allo Stadio Filadelfia

Boyé, a Verona buoni spunti: ma l’attaccante rimane sotto esame