Corsa, grinta, gol e determinazione, contro il Nizza si è rivisto il vero Gallo: Andrea Belotti è tornato per trascinare il Toro

Sono bastati 10 minuti a Andrea Belotti per mettere in chiaro che il Gallo di oggi, quello che si appresta ad iniziare una nuova stagione insieme al Torino, non è l’attaccante visto l’anno passato. È tornato, Belotti, ed è tornato per fare quello che sa fare meglio: un colpo di testa, una traversa e finalmente il gol hanno restituito alla formazione di Mazzarri il suo trascinatore. Certo, parlare di ritorno del bomber è sicuramente prematuro ma l’atteggiamento e la grinta visti in campo contro il Nizza fanno quanto meno pensare che abbia ritrovato il giusto piglio per tornare ad essere il Gallo che ha fatto impazzire i tifosi due stagioni fa.

Belotti si è ritrovato: il Toro può tornare a sognare?

Negli occhi dei tifosi  le prodezze di Belotti che hanno trascinato il Toro quell’anno, però, non possono che fare eco ai tanti problemi che l’attaccante ha avuto lo scorso campionato. Certo, i due infortuni patiti e i risultati complessivi  della squadra non lo hanno aiutato ma troppo spesso il Gallo visto in campo era sembrato l’ombra di se stesso. Adesso invece, dopo settimane di duro lavoro a Bormio, la cura Mazzarri sembra aver fatto effetto, soprattutto mentalmente. Andrea Belotti ha ritrovato la voglia di giocare e di segnare ma soprattutto sembra aver ritrovato se stesso. È tornato a lottare su ogni pallone, a correre, a segnare e a fare la differenza. È tornato ad essere l’uomo che può prendere per mano il Torino e permettergli di sognare di nuovo.

Belotti, Mazzarri è convinto: “L’ho visto molto carico”

La prestazione vista in campo contro il Nizza, al netto di una condizione fisica ancora comprensibilmente non al top, non è tuttavia di certo un filmine a ciel sereno. Il Gallo visto in campo durante il ritiro di Bormio aveva già dato numerosi segnali che lasciavano pensare ad un rientro in grande stile. E a confermarlo era stato lo stesso Mazzarri che, dopo la sfida contro la Bormiese, aveva descritto il Gallo come “molto carico, anche a livello mentale, questo fa ben sperare in vista della prossima stagione”. Insomma, i presupposti per rivedere in campo il miglior Gallo ci sono tutti e Belotti sembra pronto per rendere di nuovo il Toro il suo Toro.


8 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
odix77
odix77
3 anni fa

tecnicamente continua ad avere i limiti noti, non stoppa la palla a due metri… ma l’ho rivisto voglioso e presente fisicamente ovvero le sue doti principali.. i segnali sembrano buoni speriamo bene…..P.S gentilmente non fetegli però battere i rigori grazie….

leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
3 anni fa

Ma basta con ste seghe mentali…che ad ottobre 2016 era già venduto qua sopra…se fa bene è già venduto..se fa male non è più lui….mamma mia ma godiamocelo ora che c’è..o dobbiamo già pensare al prossimo anno prima che inizi questo………

mas63simo
mas63simo
3 anni fa

L’importantissimo è che non s’infortuni altrimenti siamo panati come una cotoletta !

Roberto (RDS 63)
Roberto (RDS 63)
3 anni fa
Reply to  mas63simo

D’accordissimo rischiamo di fare il remake dello scorso anno.

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
3 anni fa

Calma, quest’ anno abbiamo il lavavetri che gli può portare via il posto.

Cairo: “Niang assente? Non è ancora in forma…”

Primi segnali da Meité: Mazzarri lo prova da mezzala