Belotti spreca e sparisce: al derby il Gallo fa solo la comparsa

62
CAMPO, 11.2.18, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, Serie A, TORINO-UDINESE, nella foto: Andrea Belotti

Il ruolo da unico riferimento offensivo, ritagliatogli da Mazzarri, annulla il Gallo, ben controllato dalla difesa bianconera e mai pericoloso

Niente Toro, niente Gallo. Nel primo, opaco, derby dell’era Mazzarri, Andrea Belotti resta al palo, lasciato solo nella morsa della retroguardia bianconera – che in campionato non prende gol da sei gare – e poco efficace nei rari momenti clou. Era la seconda gara dal primo minuto dopo l’infortunio al ginocchio che lo aveva tenuto fuori per più d’un mese, è vero, ma è per i suoi meriti passati che le aspettative nei suoi confronti restano sempre elevate, al di là di tutto. E così diventa difficile credere che il Gallo di oggi sia autore del maldestro controllo osservato nell’unica, vera, occasione granata, rimasta potenziale proprio a causa del suo mancato aggancio su passaggio – forse troppo repentino, ad onor del vero – di Obi. Difficile, e forse poco accettabile dal punto di vista meramente critico, dire se quel contropiede – in due contro uno – avrebbe potuto cambiare il volto della stracittadina. Ma qualche rimpianto resta comunque, forse proprio perché si è trattato dell’unico afflato di una gara altrimenti ombrosa.

Il ruolo da ultimo (e unico) baluardo del reparto offensivo granata ha penalizzato, e non poco, il rendimento del capitano granata. I lanci lunghi che hanno contraddistinto la costruzione del Toro non gli hanno mai permesso di puntare la porta con la sua consueta caparbia, vuoi per una difficoltà congenita dell’impostazione accorta messa in atto da Mazzarri – che privava il Gallo di utili supporti, in particolare prima dell’ingresso di Niang -, vuoi per la grande efficacia del duo bianconero Rugani e Chiellini che con le buone o con le cattive (visto il cazzotto più o meno volontario rifilato dal 3 azzurro in un frangente del match). Una domenica da cancellare in fretta, per Belotti. La stagione del Gallo ha bisogno di una scossa. E la meriterebbe, forse, visto l’impegno quasi viscerale che da parte sua non è mai mancato, nemmeno in questa stracittadina sottotono. Servirà una reazione grintosa. Ma a casa Belotti, si sa, è la specialità.

  Iscriviti  
più nuovi più vecchi
Notificami
LoviR53
Utente
LoviR53

Concordo in toto con RobertoDS63. Invece, NON concordo sul titolo sul gallo. Non abbiamo laterali che facciano cross decenti e centrocampisti che lo lancino bene in profondità: Anche se è un ottimo giocatore, se non è servito (e ieri non è stato servito bene), sicuramente non segna……..deve forse andare a… Leggi il resto »

fuser90
Utente
fuser90

Iago falque che l anno scorso è andato in doppia cifra per gol e assist?non è un laterale?lo stesso iago che ci sta tenendo a galla quest anno

remy
Utente
remy

Visto che l’articolo parla di Belotti , dico la mia sul Gallo. L’anno scorso è stato un momento di grazia che forse non si ripeterà mai più , già visto per altri giocatori . Belotti è un ottimo centravanti , un ottimo ragazzo , ma non pensiamo di avere in… Leggi il resto »

LoviR53
Utente
LoviR53

Non avete visto Pulici quando era giovane (3 stagioni piene con tante presenze e solo 8 gol totali all’attivo)…un giocatore in fase di maturazione…..con tanti gol mangiati che andava a ripetizioni di tiro da Giagnoni. Poi con i cross di Claudio Sala e i lanci di Pecci e Zaccarelli e… Leggi il resto »

remy
Utente
remy

Io non ho detto che farei di Belotti un perno del futuro, ma lo pensò e lo desidero. Non fraintendermi, so che Belotti può ancora crescere, volevo solo sottolineare che allo stato attuale non è il caso di paragonarlo a gente come Higuain , che sarà pure un panzone ,… Leggi il resto »

fuser90
Utente
fuser90

ti rispondo su belotti,il problema è che Belotti è un giocatore fortissimo ma senza carattere diverso da Rizzitelli o Ferrante,ha la forza e l esplosività di Vieri ma non ha il carattere di pippo Inzaghi che di fronte agli svantaggi o alle mille avversità riesce ad emergere;con questo non voglio… Leggi il resto »

LoviR53
Utente
LoviR53

Concordo con te che è sbagliato fargli fare il capitano (conosce poco i Regolamenti e non li fa rispettare nemmeno x lui)….sembra Bianchi quando non sapeva nulla su quella farsa dell’illuminazione del campo. L’incarico di capitano è importante perchè è l’unico autorizzato a parlare con l’arbitro x tutta la squadra.… Leggi il resto »

fuser90
Utente
fuser90

il capitano giusto sarebbe Moretti(ma fino a quando potrà giocare?) per quanto riguarda il carisma e l anzianità. Rincon potrebbe farlo ma preferirei altre opzioni,so che baselli scompare molto ma d’altrondein qualsiasi posizione del campo gli fanno fare l incontrista(72kg) mentre lui dovrebbe stare in mezzo a fare il regista… Leggi il resto »

remy
Utente
remy

Concordo, Belotti non ha la personalità per imporsi contro la Juve, ormai è uno spauracchio. Ieri quella personalità ce l’avevano solo Ansaldi, I due centrali di difesa più il portiere , obi e Niang quando è entrato. Contro i gobbi devi andare all’uno contro uno se vuoi giocartela, poi perderei… Leggi il resto »

Roberto (RDS 63)
Utente
Roberto (RDS 63)

Io pensavo che errori come quelli di cui ci ha deliziati Mihajlović in pochi potevano farli, poi dopo ieri mi son venuti dubbi, perché far giocare Belotti da solo contro tutti è un errore, mettere Niang sull’ala è lo stesso errore che faceva Mihajlović, far fare a tratti il terzino… Leggi il resto »

Roberto (RDS 63)
Utente
Roberto (RDS 63)

L’unico vero trequartista…