Questa sera, Belotti sarà di scena a Manchester in Italia-Argentina: l’avventura azzurra per ritrovare forma e spensieratezza da riportare in granata

Impelagato nella stagione più travagliata della sua giovane carriera, per Andrea Belotti arriva un nuovo esame azzurro. Un esame che per la nuova (ma non troppo, almeno negli uomini) Italia di Gigi Di Biagio si svolgerà in inglese e avrà il volto decisamente poco amichevole di Leo Messi. La sfida contro l’Argentina dell’Ethiad Stadium di Manchester, in programma per questa sera alle 20.45, sarà la prima uscita degli Azzurri dopo la notte del disastro mondiale, quello 0-0 contro la Svezia che fece naufragare il progetto Ventura e con esso le speranze riposte nella trasferta di Russia 2018. Il Gallo, quella notte, versò lacrime amare. Il suo sogno si infranse contro l’impenetrabile muro nordico, nonostante tutti i sacrifici fatti per recuperare in tempo dall’infortunio al ginocchio e giocarsi da protagonista quella sfida.

Belotti, l’infortunio e una rinascita che ancora latita. Contro l’Argentina dovrebbe partire dalla panchina

Da lì in poi le cose non sono andate meglio per Belotti. Poche gioie in campionato, un nuovo infortunio e un rientro complicato. La rete meravigliosa contro l’Udinese dell’11 febbraio scorso, al rientro dal 1’, sembrava aver restituito al popolo granata il numero 9 implacabile della passata stagione. Ma le opache prestazioni della squadra contro Juventus, Verona, Roma e Fiorentina – nella quale è stato bravo a rimettere in piedi momentaneamente la gara in complicità con Ljajic – non hanno certo favorito la sua rinascita. Rinascita che, per l’attaccante bergamasco, dovrà passare da fisico e testa. Ritrovare la forma migliore, certo, ma pure quella spensieratezza messa a dura prova da una stagione irta di ostacoli e delusioni e che invece era stata, insieme con la grinta, l’arma in più dei momenti al top. E la parentesi Nazionale potrebbe risultare un valido aiuto in tal senso. Domani il primo step: il Gallo dovrebbe partire dalla panchina – al centro del tridente dovrebbe giostrare Immobile -, ma il contesto di sperimentazione offerto dall’amichevole dovrebbe comunque consentirgli di prendere parte alla sfida.

Belotti: il Milan non molla la presa. E quell’idea Kalinic…

Un’altra partita, intanto, si prepara ad accendersi sull’asse Torino-Milano. Le leggi del calciomercato, si sa, non si limitano certo al rettangolo verde. Ecco perché, nonostante la stagione sottotono, l’interesse del Milan per Andrea Belotti non si è sopito. L’ultima idea, dalle parti del capoluogo lombardo, è quella di uno scambio con Nikola Kalinic, il grande deluso della banda Gattuso, per abbassare le pretese della società granata. Tutto, ovviamente, sarà subordinato alla situazione finanziaria del club di Yonghong Li, ancora nei giorni scorsi scosso dall’avvio di una nuova indagine della Procura di Milano sul passaggio di proprietà alla cordata cinese. Fassone e Mirabelli, però, iniziano comunque a ragionare sul mercato. E Belotti non è certamente uscito dai radar.


17 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
leonardo (poppi1)
leonardo (poppi1)
4 anni fa

Max…io ne ho già pieno i maroni ora…figurati ad arrivare a fine agosto…

sofferenza (Ventura umiliato, godimento consolidato)
sofferenza (Ventura umiliato, godimento consolidato)
4 anni fa

Grande godimento vedere le immagini della nazionale soprattutto col Guru smascherato tecnicamente e come uomo a livello planetario con buona pace dei davidoni.

garnet71
garnet71
4 anni fa

Forza Gallo sempre uno di noi!

Torino, Nkoulou è il tuo stakanovista: sempre presente in Serie A

Ljajic, amichevole al “Grande Torino” sotto gli occhi di Mihajlovic