L’ex responsabile della scuola calcio del Torino ha parlato di Alessandro Buogniorno e del futuro del difensore

Silvano Benedetti, ex responsabile della scuola calcio del Torino che ha trascorso più di vent’anni all’interno della società, ha parlato del futuro di Alessandro Buongiorno a Tuttosport. Benedetti ha commentato l’eventualità di vedere il difensore con la maglia della Juventus e ha fatto riferimento alla sua crescita come calciatore.

Benedetti: “Buongiorno alla Juve? Non potrebbe mai”

Silvano Benedetti ha parlato così di Buongiorno: “Penso che Alessandro non potrebbe mai trasferirsi alla Juve. Intelligenza, maturità, lungimiranza. E per rispetto nei confronti di chi l’ha cresciuto e di chi lo ama. Alessandro ha qualcosa di Sinner, proprio perché ha una testa alla Sinner. Al di là dei differenti percorsi sportivi e dei successi, spicca in entrambi la grande umiltà del professionista esemplare. Buongiorno è maturato tantissimo, è cresciuto nella personalità, nella sicurezza delle prestazioni. E non è ancora arrivato al top della crescita”.

Poi sul suo futuro ha aggiunto: “Ha dimostrato di essere attaccato alla maglia del Toro in modo eccezionale, ma di fronte ai ripetuti corteggiamenti delle big che giocano in Champions è normale che possa aspirare a un ulteriore salto di qualità. Siamo nel 2024, sappiamo come funziona il mercato e conosciamo le distanze siderali tra le big europee e una società come il Toro: purtroppo è così. Per cui credo che si possa comprendere, Alessandro, anche se un tifoso granata vorrebbe che rimanesse per sempre con noi”.

Silvano Benedetti
Silvano Benedetti
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 09-04-2024


13 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Torquemada
1 mese fa

Ogni anno la solita solfa……vendiamo i giocatori buoni e cerchiamo di galleggiare nella mediocrita…. che due palle.

casToro
casToro
1 mese fa

Lo vedrei bene all’Atletico con il Cholo.

10genà
10genà
1 mese fa

speriamo solo in un bellissimo tweet d’addio, altrimenti guai eh!

Torino, il punto sul rientro di Ilic in vista del derby

Milinkovic-Savic, con la Juve un conto in sospeso: all’andata due errori gravi