Caso Blackstone-Rcs: Cairo si cautela con la manleva - Toro.it

Caso Blackstone-Rcs: Cairo si cautela con la manleva

di Francesco Vittonetto - 27 Gennaio 2020

Come riportato dal Sole 24 Ore, il CdA di Rcs ha garantito a Cairo che si farà carico dei 300 milioni di danni in caso di arbitrato sfavorevole

Rcs si farà carico, in caso di arbitrato sfavorevole nella causa con Blackstone, anche dei 300 milioni di euro di danni richiesti a Urbano Cairo dal fondo statunitense. Lo riporta il Sole 24 Ore, che racconta delle cautele che il presidente del Torino ha preso nel corso degli ultimi mesi, timoroso di possibile esito (fortemente) negativo del contenzioso legale in atto per la sede storica del Corriere della Sera in via Solferino a Milano. Nel corso di un CdA estivo, l’imprenditore alessandrino si sarebbe assicurato una manleva: l’azienda coprirebbe, oltre ovviamente ai 300 milioni direttamente richiesti al colosso dell’editoria a titolo di risarcimento, anche il 100% dei trecento richiesti parimenti a Cairo.

Cairo-Blackstone: il CdA di Rcs ha approvato la manleva

Uno scenario che da un lato rassicura il patron granata, ma dall’altro rende più concreti gli spettri del disastro. La pronuncia dell’arbitrato milanese è attesa a breve (qui su Toro.it abbiamo dato conto delle tempistiche pochi giorni fa, oltre a riassumere l’intricata vicenda), anche se è possibile che la contesa non si chiuda del tutto e torni al giudice di New York. Di certo un salasso da 600 milioni sarebbe un duro colpo per Rcs: la cifra è addirittura superiore alla capitalizzazione in borsa della casa editrice (499 milioni).

Secondo il Sole, Cairo si è dunque cautelato. Sebbene restino dei dubbi sull’effettiva efficacia di una delibera del CdA su un caso come questo. C’è chi sostiene, infatti, che sarebbe necessario il vaglio anche da parte dell’assemblea.

Rcs e il possibile cambio di leadership

C’è poi da analizzare il contesto nel quale, quest’estate, è arrivato il voto. All’appello mancavano alcuni dei pezzi grossi del consiglio – Tronchetti Provera, Della Valle, Cimbri e Micciché – e non è da escludere che questo possa ricondursi a una presa di distanza dall’attuale azionista di maggioranza del gruppo editoriale. Che potrebbe essere stravolto da un finale nefasto del caso Blackstone.

più nuovi più vecchi
Notificami
odix77
Utente
odix77

io invece non tifo per niente per blackstone e questo perchè se Cairo è messo nelle condizioni di svendere il Toro , arriva davvero potenzialmente chiunque anche piccoli personaggi in cerca dell’occasione e del business, se invece lo vende , e forse sarebbe ora, per motivi diversi non è costretto… Leggi il resto »

tore110
Utente
tore110

Ancora con sta storia che hanno paura di venire a investire a Torino per la Giuve … ma ci credete davvero ? E in Lombardia allora l’Atalanta di chi deve avere paura ? Del virus cinese ? Ma piantiamoli li

Mondo
Utente
Mondo

No, no Blackstone lo deve rovinare, lo voglio vedere sotto i ponti il tiranno….

diego73
Utente
diego73

Ma GD è acronimo di Gobbo Dentro?

tore110
Utente
tore110

No , è un diminutivo dell’aulico “gadan “

Mondo
Utente
Mondo

Mah tante versioni…

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President)
Utente
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President)

Faccia quello che vuole, mi auguro che lo lascino in mutande.