Le prime parole da giocatore della Juventus di Gleison Bremer alla tv ufficiale bianconera

“Questo momento finalmente è arrivato, lo stavo aspettando. La Juventus è una grande squadra, sono molto felice di essere qui. Il mio sogno? Io voglio sempre vincere, lo scudetto, la Champions. Questo è il mio obiettivo”. Così Bremer alla tv ufficiale bianconera, nel giorno della firma sul contratto con la Juventus. Il difensore ha spiegato perché ha scelto così: “La Juventus è una squadra che vuole sempre vincere e anche io ho l’ambizione di vincere. Ho parlato un po’ anche con Chiellini e ho deciso che la Juventus era la squadra migliore“. Poi sul difensore al quale si ispira: “Chiellini è il miglior difensore italiano, l’ho sempre detto. Quindi mi ispiro un po’ a lui e proverò a fare ciò che ha fatto lui”.

Bremer: “Non ho avuto dubbi”

Sul percorso: “Sono stato con un allenatore bravo, lui mi ha insegnato tante cose. Ormai sono in Italia da quattro anni e ogni stagione sono migliorato. Difensivamente sono più completo adesso”. Poi sulla scelta: “Quando ho visto che sono arrivati Pogba e Di Maria non ho avuto dubbi su chi scegliere. Siamo una squadra costruita per vincere. Ho anche un cane che è bianconero, era nel mio destino”.

Gleison Bremer
Gleison Bremer
TAG:
Bremer home

ultimo aggiornamento: 21-07-2022


64 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ardi06
ardi06
24 giorni fa

Ma vai a fare in c. Ah no ci sei già andato

guidone
guidone
25 giorni fa

dichiarazione che,essendo i calciatori in fondo delle grandi pu….ne,non mi fa nè caldo nè freddo.personaggio già dimenticato..

maximedv
maximedv
25 giorni fa

Comunque io sti ragazzi non li capisco. Vabbè che sono giovani e spesso un po’ ignoranti, però io certe cose o dichiarazioni le risparmierei, se non altro per quieto vivere. Ora, sei a Torino, dove i nuovi tifosi oramai scendono in piazza a festeggiare se un giocatore del Torino va… Leggi il resto »

E’ morto Luciano Nizzola: è stato ad del Torino e presidente di Federcalcio e Lega

Calciomercato Torino, il retroscena su Denayer: già nel 2018 poteva essere granata