Cairo: “Belotti? L’importante è che recuperi quella fame di gol che ha sempre avuto”

27
Cairo
Urbano Cairo, president of Torino FC, looks on prior to the Serie A football match between Torino FC and AC Chievo Verona.

Il presidente del Torino, Urbano Cairo: “La partita con il Milan? Non dico che sia una sfida per l’Europa League ma è una sfida importante”

Il presidente del Torino Urbano Cairo, a margine della presentazione del prossimo numero speciale del mensile Bell’Italia, ha analizzato il momento del Torino, parlando della prossima partita di campionato contro il Milan che, in caso di vittoria, potrebbe valere il settimo posto in classifica. “È una partita speciale, siamo a un punto dal Milan. Se succede che la Coppa Italia la vince una delle sei, in Europa si va in sette. Noi siamo ottavi. Non dico che sia una sfida per l’Europa League, perché il campionato è ancora lungo, ma comunque una sfida importante. Noi a Milano contro il Milan non abbiamo mai vinto. È una partita alla quale tengo in modo speciale”.

Cairo ha poi parlato anche del momento di Andrea Belotti: “Ieri non ha fatto una gran partita, ma probabilmente deriva dal fatto che anche lui ha avuto una settimana molto pesante. So che era molto scosso e molto colpito da questa eliminazione, pur avendo giocato pochi minuti nell’ultima partita. Però, evidentemente, si sentiva fortemente coinvolto. L’infortunio? Credo che adesso abbia tutto il modo per recuperare dall’infortunio che lo ha fortemente limitato perché il campionato diventi il suo Mondiale. L’importante è che recuperi quella fame di gol, la voglia di giocare che lui ha sempre avuto e che mi aspetto di vedere sin dalla prossima partita”.

Oggi è stata anche la giornata delle dimissioni del presidente della Figc Carlo Tavecchio, anche di questo ha parlato Cairo: “Dimissioni opportune, perché, quando accade qualcosa di grave, di epocale, credo sia giusto che sia cambiato il ct, ma anche il presidente della Federazione. In questo momento il movimento calcio ha bisogno di una riflessione, di ripensamento, di rinnovamento radicali. Sono stati fatti errori. Bisogna pensare se l’Italia sia organizzata nel modo giusto oppure no ed è quindi giusto che ci siano una riflessione generale e un cambiamento generale di chi era la guida della Federcalcio, pur avendo fatto Tavecchio negli anni passati buone cose. Questo però non significa che, quando accade qualcosa di grave, non vi debba essere un ripensamento generale e una riflessione generale su quello che deve essere il calcio italiano”.

27 Commenti

  1. Cairo sei sempre il solito cial…, vedrai la primavera si sta gonfiando sempre di piu a discapito della altra curva, vedrai la contestazione salirà sempre di piu.
    Per il resto Miha o ventura o ttutti gli altri allenatori cosa potrebbero fare andare a ciapare i rat, tanto non cambierebbe niente.
    Cairo vattene

  2. Comunque, cambiando argomento, non si riesce a capire perche’ il Toro tradizionalmente sbaglia i rigori. Chiunque li tiri, con qualunque allenatore. Proprio non c’e’ spiegazione. Io sono sicuro che se Belotti giocasse altrove li metterebbe tutti dentro. Mah! E’ un mistero, vero? Io credo che abbia a che fare con il fatto che siamo sempre una squadra con mentalita’ negativa sin dalle giovanili. Con molte insicurezze. Odio i gobbi per carita’, ma certe volte un po’ della loro strafottenza vorrei che contagiasse il Toro. E’ come se ci mancasse la convinzione, la tranquillita’ dei forti.

    • risaaumendo il tuo concetto direi, ci manca il pensiero positivo vincente, ci lamentiamo quindi ci capitano cose negative che a loro volta portano nuova negativita’ nei pensieri.
      Non sono scoiocchezze, il Buddhismo si basa su queste cose. Se emetti frequenze positive automaticamente per affinita’ attiri quelle simili a te e le negativita’ non ti toccano….

  3. è un’ipotesi plausibile, ma non una verità…. Cairo non credo abbia bisogno dei soldi del Toro per quanto i soldi servano a tutti…. se la sua strategia è quella di fare il colpo con Belotti e vendere lo scopriremo, ad oggi i soldi sono cmq tutti nel Toro in un modo o in un altro.. l’ingaggio dei giocatori è cresciuto esponenzialmente e cresce quasi ogni anno, le plusvalenze vengono in parte reinvestite in parte messe a riserva (negli anni) in parte sono li ferme.. dal bilancio 2017 proveremo a capire senza entrare troppo nel merito dei vari punti dove sono e a quanto ammontano…e tireremo le somme…. a giungo credo avremo un bel pò di saldi da pagare, e mafgari qualcuno verrà anitcipato a gennaio come fatto per iago.. vedremo.. io ormai i conti non li faccio piu perchè sono materia abbastanza ostica…

    • odix, Cairo non ne parla e avrebbe tutti gli interessi a farlo, perché i sui clienti vivono di entusiasmo: sono di domenica i prima coretti anticario. Non lo fa perché li vuole tenere, magari li dà a suo figlio, passandoglieli (passandogli il Toro). Magari li dà al prossimo presidente che li può utilizzare, se vuole. La mia ipotesi nasce dal silenzio suo. E quando vuole fare una cosa, la dice per tempo, se è bella. Io non mi rompo la testa con queste cose, di certo. La sua fortuna, per me, sarebbe ingaggiare un ds con un po’ più di “filosofia” (o chiamarlo “buon senso” sarebbe uguale). Cairo non lo capisce, ma con Petrachi fai molta fatica a crescere.

  4. pero’ non ho capito perche’ non lo vedo piu’ io avevo chiesto questo oggi poi hanno cominciato a attaccarmi. La scorsa settimana vi leggevo e leggevo anche di lui che ha ribadito cose a favore di Miha contro Cairo. Poi questa settimana non lo vedo piu’ e chiedevo perche’…

    • @ex, lui ha molti (almeno alcuni) proseliti: ha le caratteristiche classiche e basilari del capo: seriosissimo e decisionale, perentorio. Molti subiscono questo fascino o questo richiamo. Logico che poi ti attaccano. Chiaro che per un anticairo come lui, difendere Sinisa è una scelta assai forzata. Sinisa è e sarà il vanto di Cairo, finché potrà (e anche dopo). Colpisci lui e colpisci Cairo, difendi lui e difendi cairo: è solo una finzione tipica dei forum divedere le cose: fa comodo: è una convenzione. Insieme alla campagna acquisti, la scelta dell’allenatore è la cosa più decisiva per le sorti di una squadra. E anche il modo per comunicare ai tifosi: ti ho ingaggiato il tuo allenatore preferito. Cairo, con Sinisa, sono l’uno la scelta dell’altro, l’uno la forza e il vanto dell’altro. @lovi si deve inventare qualcosa: qua di anticairo sono pieni i fossi e parlano tutte le lingue e dialetti. Che capo è lui?

  5. mi risulta sia salito a bardonecchia in cima alla montagna piu alta a ricevere direttamente le tavole dei comandamenti del tifo granata…. poi scendendo però ha visto tutti noi infedeli e la sua missione è quella di redimerci al vero unico tifo Granata….. cerca di capirlo…la sua è una missione di altissimo livello che per noi comuni mortali sembra effettivamente un’anomalia o stranezza…. pensa in grande….accontentista, tifoso fucsia, cairota.. ed elevati!!!!……se non fosse che gli adepti insultano chiunque gli passi a tiro ci sarebbe da ridere, ma qui c’è da piangere non da ridere…questo forum nel piccolo è lo specchio abbastanza fedele del livello che gira negli stadi indipendentemente da maratona , primavera, cruve sud o nord….. motivo per il quale la frequentazione allo stadio è diventata assai sporadica…

  6. volevo rendervi edotti che il 23 cm,presso il teatro Carignano,verra’presentata l’edizione locale del Corriere della Sera.questo per confermare,ancora una volta che l’ambizione economico aziendale esiste,ed e’ programmata,quella sportiva e’solo blaterata

  7. Ascusate scrivo qui per leggerci meglio:
    sarebbe interessante capire una cosa: visto che Cairo ha detto che il Toro doveva stare in piedi da solo, ne deduco anche a posteriori che lui di investimenti non ne ha fatti ne’ ne vuole fare, Il Toro infatti ha sempre vissuto di diritti TV e plusvalenze credo. Se e’ cosi’ se il prossimo anno vendeBelotti , ci troviamo un minimo di 100 milioni di plusvalenza, (IPOTESI) La domanda e’ se Cairo vende, cosa spetta a lui? Quanto? Quei soldi sono suoi o del Toro, ma se del Toro lui ne e’ in maggioranza quindi sono suoi, o no?

  8. Se le dimissioni di Tavecchio sono “opportune” perché il fallimento della sua gestione è stato “epocale”, allora che Cairo cominci a fare le valigie e salire su un treno che lo porti lontano dal Toro. 13 anni di palude maleodorante fatta di contentini ridicoli, come 1 derby vinto, una qualificazione EL piovuta dal cielo (smettiamola di parlarne come se fosse un vsnto, perché siamo patetici), soprattutto fatti di delusioni ripetute e aspettative tradite, sono peggio di ciò che ha combinato lo squallido capo della Federazione, che comunque dopo 2 anni si toglie di torno. Questa Società non ha anima, è un carrozzone su cui sale gente che mira solo a obiettivi personali, a cominciare da questo presidente pusillanime e avido. Povero Toro, con la sua dirigenza tricefala ma in fondo acefala.

    • ahahahahah
      Comunque hai descritto bene la situazione. Sei stato chiaro e preciso.
      A proposito, io mi sono appena iscritto ma non vedo quello che i giorni scorsi difendeva a spada tratta Mihajlovic,, dov’e’ ? eheheheh Mi sembra fosse un certo Lovi o roba del genere….

    • Be c’è una differenza sostanziale… per andarsene Cairo non basta dimettersi ma ci vuole uno con un assegno di 2-300 milioni di euro; allora Cairo alzerà le tende.
      Se proprio dobbiamo trovare un colpevole a questa storia e quel che signore che potrebbe ma non si presenta con i 2-300 milioni per comprare il Toro….

      • sarebbe interessante caire una cosa: visto che Cairo ha detto che il Toro doveva stare in piedi da solo, ne deduco anche a posteriori che lui di investimenti non ne ha fatti ne’ ne vuole fare, Il Toro infatti ha sempre vissuto di diritti TV e plusvalenze credo. Se e’ cosi’ se il prossimo anno vendeBelotti , ci troviamo un minimo di 100 milioni di plusvalenza, (IPOTESI) La domanda e’ se Cairo vende, cosa spetta a lui? Quanto? Quei soldi sono suoi o del Toro, ma se del Toro lui ne e’ in maggioranza quindi sono suoi, o no?

    • beh c’è qualche differenza sostanziale non banale….. quali sarebbero gli obiettivi del TORO per te? il TORO che è 6-7 di diritti TV in seria A a cosa dovrebbe ambire/aspirare nella tua testa?… ai fasti del grande Torino forse? allo scudetto , alla CL? diciamo che tiriamo al ribasso : il Toro dovrebbe per nostra ambizione giocare costantemente almeno in EL, mica facile, ci sono anche le altre, ma diciamo che sia cosi : bene l’EL per il TORO rappresenta il traguardo , per le possibilità attuali, MASSIMO, quindi non andarci non è un fallimento sportivo paragonabile alla qualificazione dell’italia ad un mondiale, qualificazione che è l’obiettivo MINIMO non massimo di una nazionale come l’italia….non è difficile eh!!!….se copnsideri solo i diritti TV : Juve,Napoli,Roma,Milan,Inter e sono già 5 ci sono ampiamente davanti, poi credo Lazio+Toro+Fiorentina sono a grandi linee sullo stesso piano…se guardi le classifiche ogni anno, salvo qualche sorpresa sia in negativo(le milanesi) che in positivo(Lazio) rispecchiano perfettamentye i diritti tv almeno nelle prime….