Questo non è Belotti: il vero Gallo cercasi

49
Belotti
Andrea Belotti of Torino FC looks dejected during the Serie A football match between Torino FC and AC Chievo Verona.

Nessun gol, tanti palloni persi e un rigore sbagliato: contro il Chievo la crisi di Belotti non si è arrestata ma si è ulteriormente accentuata

Quando Belotti ha preso il mano il pallone e l’ha sistemato sul dischetto, la sensazione generale era che quella fosse per il Gallo l’occasione giusta per calciare con forza in fondo alla rete la delusione, la rabbia e tutte quelle emozioni negative che hanno caratterizzato le sue ultime settimane. Non era solamente il pallone del possibile 2-1: c’era molto di più in quel tiro dal dischetto. Belotti poteva immediatamente mettersi alla spalle un periodo negativo, iniziato con l’infortunio al ginocchio, terminato con lo shock per la mancata qualificazione a quel Mondiale che da tanto sognava, passando per un’astinenza dal gol che si sta prolungando sempre più. Se Belotti avesse segnato quel rigore il Torino avrebbe affrontato questa settimana con più serenità.

Ma Soprattutto per il Gallo i prossimi giorni sarebbero potuti essere diversi: è evidente che il Belotti degli ultimi tempi non sia lo stesso giocatore che lo scorso anno incantava tutta Italia e che ha attirato su di se le attenzioni dei club più blasonati d’Europa, ma è altrettanto evidente che potrebbe bastare poco, un episodio, per farlo tornare quello di prima. Poteva essere la Nazionale a ridare entusiasmo e vigore a Belotti, invece il suo colpo di testa a Solna è terminato sul fondo e a San Siro ha terminato la partita tra le lacrime per l’incredibile eliminazione dell’Italia di Ventura. Non è stato neanche il ritorno in campo con la maglia granata a rilanciarlo. Anzi, la partita con il Torino non ha fatto altro che accentuare il suo periodo difficile.

“Belotti non è ancora al top e non può ancora esserlo dopo l’infortunio che ha avuto, ci vuole tempo per togliersi di dosso la paura”. Così lo ha giustificato uno dei più suoi più esperti compagni di squadra, Nicolas Burdisso, ma probabilmente la verità è quella che ha evidenziato Sinisa Mihajlovic dopo la partita: “Cerca il gol con troppa foga, deve stare più tranquillo. Se il Gallo avesse fatto gol sarebbe stato più facile superare questo momento, questo è certo. Ma ripeto, deve stare sereno e tranquillo, il gol arriverà”. Se Belotti riuscirà a mantenere la calma potrà tornare a essere il vero Gallo. E allora non solo i palloni calciati torneranno a a gonfiare la rete, ma per l’attaccante sarà anche più facile fare quei dribbling e vincere quei contrasti che con il Chievo o non sono riusciti o ha perso.

49 Commenti

  1. Poi volevo dire due cose un capitano che non parla è ridicolo in quanto per antonomasia il capitano è il portavoce della squadra. L’altra cosa è che ritengo il nostro mister mi delude sempre di più e non solo per Anna Frank ma perché fa tirare i rigori ad una persona che lo scorso anno li ha sempre sbagliati. Così si fa il male della una squadra che dovrebbe essere la cosa più importante. Mi chiedo se ha la testa ed il cervello e se lo usa

    • tutto vero, non solo, ma lo scorso anno aveva ammesso che non avevano designato il rigorista, quando Belotti inizio’ a sbagliare, ti ricordi?
      Poi adesso esce con il ‘adesso i fa a modo mio” quindi cosa faceva, fare autogestion ai giocatori?

  2. Credo che questa brutta storia serva a noi tifosi per farci capire che se un giocatore vuole andarsene è meglio farlo partire. Trattenuto quasi a forza Belotti è l’ombra dello scorso anno. E noi pure la fascia gli abbiamo consegnato ….. a sto punto spero che parta a gennaio se come credo il nostro campionato sarà già terminato

    • io credo invece che lui in estate voleva il milan………ecco del perché fa cagare……….. si era detto che era un problema di modulo…….ma anche con il 4 3 3 fa cagare…………….. il fatto che gioca cosi’ e per il fatto che non e’ stato ceduto!!!!!! se non si riprende a gennaio lo venderei

  3. Quest’anno il problema di Belotti è la mancanza di grinta, l’anno scorso quando veniva atterrato si rialzava subito e l’ottava con la bava alla bocca, ora resta a terra a lamentarsi con le braccia larghe e questo non può proprio permetterselo perché il gallo senza grinta vale meno della metà. Da cosa dipenda questo cambiamento non lo so ma se dovesse dipendere dal malcontento per non aver cambiato squadra questo dimostrerebbe scarsa intelligenza in quanto il suo valore, e di conseguenza i suoi potenziali guadagni, scenderanno a picco. Speriamo che il ragazzo riesca a darsi una bella scossa e che ritorni sui giusti binari

    • È vero, e forse è come dice sopra @andreagranatarho. Ci aggiungo il fatto che per buona parte dell’anno scorso aveva una squadra che giocava per lui, soprattutto Iago che forse ad un certo momento è diventati più individualista et voilà. La mancanza di grinta del gallo è evidente, non ha più fame evoglia di spaccare il mondo A questo dovrebbe porre rimedio l’avere una squadra ed un gioco invece di molti singoli, non tutti per la carità..e soprattutto un allenatore in grado di motivare tutti in quanto facenti parte di una squadra appunto

        • De Silvestri accentua clamorosamente il contatto e si butta a terra cercando di invogliare l’arbitro a fischiare. Vede spiovere il pallone e non salta, perché ha già deciso di provare la furbata. Per quanto mi riguarda, la dinamica è chiarissima. Resta il fatto che non abbiamo l’ombra di un gioco e che le uniche azioni concluse con un tiro in porta sono sempre frutto di difficili giocate individuali (ieri una proprio da parte di De Silvestri). Mihajlovic e i suoi dieci collaboratori… bah!

          • Io non l’ho vista così, il clivense spinge in maniera evidente De Silvestri, che non può impattare di testa. Poi ognuno può interpretarla come gli pare, senza essere in torto solo per pensarla diversamente.

          • esulegranata ma se il giocatore del chievo gli mette in maniera netta il braccio davanti………..lui non riesce a prenderla proprio per quello………. fallo tutta la vita anche abbastanza evidente………… se era il contrario gli dava il fallo fidati!!!!!!

  4. Vorrei capire come il Gallo abbia perso la freddezza dal dischetto….
    Due anni fa, con quella rincorsa stramba ne aveva messi 4 su 4 e aveva bucato dal dischetto Buffone e Handanovic, tanto per capirci. Palla da una parte, portiere dall’altra.
    Poi alla prima giornata dello scorso anno a Milano Donnarumma lo aveva fermato (con una paratona, Andrea non lo aveva tirato male) e da lì in poi ne ha segnati 2 su 5…

  5. Il gallo è il nostro patrimonio ed ora va difeso e tutelato. Sappiamo che i rigori non sono il suo forte quindi può lasciarli ad altri. Sinceramente non abbiamo dei veri cecchini.gallo gioca con naturalezza e serenità vedrai che questo momentaccio passerà e la tua cresta presto si rialzerà. Forza gallo e sempre forza Toro

  6. Se segnava il rigore avremmo due punti di più in classifica (se non pareggiavano prima della fine della partita) ma per il Gallo la situazione psicologica non migliorava: segnare un rigore è la norma. Così, invece è peggiorata. Eravamo tutti con le dita incrociate, ma sapevamo già che non avrebbe segnato. Farglielo tirare è stata l’ennesima stupidaggine di …… Fate un po’ voi.

  7. Non mi sembra che Belotti abbia cercato con troppa insistenza.
    Si è infortunato e sta cercando la migliore forma. È stato buttato nella mischia frettolosamente perché i due sostituti Niang e Sadiq si sono rivelati completamente inadeguati.
    Poi il quadro psicologico è stato aggravato dalla Nazionale e da un Toro non propriamente competitivo.

  8. Purtroppo il rigore è lo specchio del giocatore di quest’anno . complici infortuni, mancata cessione, quello che volete, ma Belotti gol spettacolòare con il sassuolo a parte, quest’anno è da 4-5 in pagella fisso…. e se consideriamo che è il nostro attaccante di punta il gioco (anzi non gioco quello di miha) è fatto…la rosa potrà non essere super completa, anche se gran parte delle emergenze sono rientrate, e miha ci sta mettendo ampiamente del suo(rompo gli indugi per me va esonerato prima che sia troppo tardi).. ma un Belotti cosi rende tutto difficile….. detto questo altra partita sottotono di tutti, abbiamo sbagliato almeno 2-3 gol (anche adem con palla che gli arriva rasoterra dal fondo da li la deve buttare dentro… abbiamo come al solito subito le solite ripartenza, ma con miha non c’è da stupirsi… poi iol rigore.. insomma ripeto partita brutta, ma sarebbe bastato un pò non dico tanto di precisione in piu per portarla a casa.,….detto tutto questo : Estate 2017 Belotti da 70 milioni in su era da vendere immediatamente e questo lo dico indipendentemente dal fatto che oggi sia un giocatore , per rendimento, da serie B….

  9. Sono cose che capitano, tanti anni fa capitò anche a Egidio Calloni ai tempi di Palermo, poi fece una tripletta al Milan e non lo fermò più nessuno. Il Gallo si sbloccherà presto, basta un gol anche casuale, ma non bisogna caricarlo di responsabilità facendogli venire la psicosi del gol. Sbagliato fargli tirare il rigore, io lo avrei fatto battere a Niang.

  10. Belotti non è proprio capace di tirare i rigori, non è una questione di testa o di cattiva condizione, li sbagliava anche quando faceva gol e quando erano ininfluenti (vedi l’anno scorso contro il Bologna). Se guardate l’inquadratura da dietro il portiere si vede da quando parte che può solo tirarla lì alla destra di sorrentino…solo un portiere brocchissimo non lo vedrebbe.. quello che mi preoccupa è che Miaha ha detto che continuerà a batterli Belotti… quindi continuerà a sbagliarli. Ma mi preoccupa di più il fatto che dobbiamo tenerci Miha fino alla fine del campionato…allenatore veramente scarso che non ha dato uno straccio di gioco e che sbaglia tutti i cambi, la squadra peggiora sempre tantissimo dopo i suoi cambi e non solo non fa mai gol ma ci va bene se non ne prendiamo.

  11. delusione ai massimi livelli…ci eravamo illusi di poter stare dove sono adesso i ciclisti ed invece…..fossi stato spettatore neutrale ieri avrei cambiato canale per non addormentarmi…altro campionato buttato forse

  12. Per me una grande delusione sportiva e umana. Peggio di Glik due anni fa. Ma il coglione sono io che ancora seguo il calcio e credo nei giocatori. Comunque questi sono i frutti che raccoglie una società come il Torino di Cairo il cui unico scopo è la plusvalenza, dove i giocatori si sentono tutti di passaggio, dove le vittorie sono una condizione non necessaria, e soprattutto i valori del Toro sono dimenticati per sempre. E qualcuno ancora continua a parlare di moduli, Ventura, Sinisa, Petrachi…questi sono solo complici di un sistema creato ad arte dal nostro amato presidente, e sostenuto da parte della tifoseria.

    • Sono d’accordo sulle considerazioni circa l’ambiente Toro attuale. Meno sul giudizio relativo a Belotti: a me continua a sembrare un ottimo ragazzo, che a differenza di Glik non va in giro a donne e a bere per locali la sera e che continua a impegnarsi. Purtroppo è partito maluccio, ha fatto tre gol e poi si è infortunato. Ora è giù di forma psicofisica, ma ha tutto per riprendersi. Il mio giudizio (fallibile, ovviamente) su di lui resta totalmente positivo.

  13. Senza gettar la croce addosso al Gallo, che alla maglia ci tiene, mi pare che stia giocando un po’ troppo per se stesso anziché per la squadra. Al di la del rigore, ha sbagliato un gol fatti sparacchiando al volo in curva su quella ribattuta.. Purtroppo i suoi errori oggi valgono quanto quello di De Silvestri

  14. Troppe chiacchiere. Ciro ha giocato il derby alla morte e il rigore lo ha segnato. Ed e’ uscito pure lui dal mondiale. E gioca nella Lazio non nello United.
    Se voleva andare al Milan (capirai…) e ora e’ deluso mi spiace…se continua cosi’ puo’ solo andare al Crotone.

  15. Non so se sia stata una sua iniziativa, o ordine di scuderia, ma lui il rigore non lo doveva battere. In passato ne ha sbagliati diversi e adesso non è era nemmeno nella condizione psicofisica per batterlo, il fatto che lo potesse sbagliare per me era più che una sensazione.
    Per me doveva batterlo Iago, e forse adesso faremmo altri discorsi.

  16. Anche io ho avuto la spiacevole sensazione che qualcosa non sarebbe andato per il verso giusto e speravo di essere smentito, purtroppo, quando è nera, è nero tutto.
    Dai Galletto riprenditi, scuotiti, torna vispo!!!!!!

  17. Forza Andrea!!!
    Forza Capitano!!!
    Ieri in Maratona temevo che non avresti buttato dentro quel rigore (troppi fantasmi nella tua testa credo)…sarebbe stato troppo bello. Un lieto fine che per Noi non c’è mai.
    Ma hai carattere da vendere e presto tornerai ad alzare la cresta!!!

  18. Non so ma quando il Gallo si è presentato sul dischetto la sensazione che lo sbagliasse mi ha pervaso e non era per sfiducia nel giocatore che sì ne ha già sbagliati in passato ma perché siamo il Toro e al Toro le cose non vanno mai bene se non le merita. E a volte anche se le merita. ieri, come spesso accade, abbiamo giocato male e il pareggio ne è la sintesi. Il Gallo è un gran giocatore, ma come tutti ha i suoi momenti no che passeranno ma non si sa quando. Avrebbe forse bisogno di alternarsi con uno all’altezza della situazione, ma non c’è…

  19. Si vero non è lui , ma lo vedete quante botte che prende ogni partita è sempre solo in mezzo a tre i suoi compagni di reparto sono a 10 metri minimo …che deve fare? (Sicuramente basta battere i rigori ne ha sbagliati troppi , il rigorista deve essere un altro liaiic o yago falque)

  20. Mia personalissima opinione : se nella partita contro il Verona l’allenatore invece di lasciare in campo il Gallo (stavamo vincendo 2 a 0) lo avesse sostituito,forse, non saremmo arrivati a questo punto. Si sarebbe evitato l’infortunio,il frettoloso recupero,le partite deludenti a ripetizione e ripeto forse il Toro adesso avrebbe qualche punto in più. Purtroppo le colpe di questa situazione sono sia del mister che della società che comunque non ha messo a disposizione un rincalzo adeguato. SFVCG!!!!

  21. Primo rigore della stagione, peraltro arrivato per decisione del VAR, fatto che rimarrà nella storia e non si ripresenterà mai più! Siamo sotto la Maratona, a metà secondo tempo, potremmo andare potenzialmente in vantaggio in una partita difficile che diversamente non si sbloccherà, si presenta sul dischetto il giocatore che dovrebbe rappresentare il leader della squadra e che più di chiunque avrebbe bisogno di sbloccarsi date le ultime vicissitudini (dall’infortunio alla eliminazione dal Mondiale)…e date tutte queste premesse…qualcuno si aspettava il goal??? No perché se così fosse…allora di Toro ne avete visto ben poco negli anni….