Il presidente del Torino, Urbano Cairo, ha parlato della sfida della Primavera all’uscita dello stadio Filadelfia, dove ha assistito al match

Dopo la sfida di Coppa Italia Primavera, alla quale ha assistito, il presidente Urbano Cairo ha parlato della vittoria del Torino sul Milan, nella gara di andata della finalissima. “Abbiamo fatto una grande ora di gioco”, ha detto il patron, che ha seguito la partita insieme a Comi e Petrachi, in uno stadio in cui erano presenti anche molti giocatori della Prima squadra. Coppitelli ha fatto un lavoro eccellente ma a desso non dobbiamo pensare di aver già vinto la Coppa. Chi mi è piaciuto di più? Non faccio nessun nome, mi è piaciuta tutta la squadra per come ha giocato. Ora dobbiamo mantenere lo stesso livello di concentrazione”. Sulla sfida con l’Inter: “Un test importante per noi, una partita molto impegnativa”. 

Cairo su Instagram: “Esulto con mio figlio per il gol di Rauti”. Il Torino Primavera avanti in finale

E in piena notte, ancora contento per la vittoria ottenuta nell’andata della finale di Coppa Italia Primavera, Urbano Cairo ha scritto un post sulla sua pagina di Instagram, per esternare la gioia dei due gol in Torino-Milan. Il presidente del Toro ha infatti pubblicato una foto in cui esulta con il figlio, dandogli il cinque, in occasione della rete di Rauti, aggiungendo una didascalia che descrive il gesto.


19 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
RobertoDS #CAIROVATTENE
RobertoDS #CAIROVATTENE
3 anni fa

Come di solito si dice…fare il finocchio con il culo degli altri……ma metti più soldi a disposizione per le giovanili, invece di mandarli avanti con due lire.

Lamar
Lamar
3 anni fa

ubriaco , col bicchiere di vino in mano durante la partita , ma non ti vergogni ? ci hai ridotto a una macchietta

rotor
rotor
3 anni fa

Solito pavone quando vince. Coppitell,Bava e i ragazzi con lo scarso budget messo a disposizione, stanno facendo miracoli.

Primavera, anche Cairo e Mazzarri al Filadelfia per Torino-Milan

Torino, speranza Europa appesa al calendario: il confronto con le concorrenti