Dal palco del Festival dello Sport di Trento, il presidente del Torino, Urbano Cairo, ha parlato dell’attuale situazione del calcio italiano

Il presidente del Torino, Urbano Cairo, è intervenuto sul palco del Festival dello Sport di Trento agli Stati Generali del calcio dove, insieme al presidente della Figc Gabriele Gravina, il presidente della Lega serie A Lorenzo Casini, il direttore generale de La Gazzetta dello Sport Francesco Carione, il CEO di Dazn Stefano Azzi e il CEO di Sky Andrea Duilio, ha parlato dello stato di salute del calcio italiano.

Cairo: “Se non si aumentano i ricavi bisogna tagliare i costi”

“In Premier League, nella Liga e nella Bundesliga ci sono dei contratti pluriennali che mirano a far crescere gli introiti del movimento. Noi dobbiamo provare a intervenire per provare ad avvicinarci e se non è possibile farlo tramite i ricavi dobbiamo farlo tagliando i costi. Il costo degli stipendi rappresentano il 70%, 80% e a volte anche il 90% delle spese di una società di serie A: questi sono numeri incredibili e dobbiamo stare attenti perché va benissimo aumentare i ricavi ma ci vuole un occhio anche per i costi. Dobbiamo fare di necessità virtù e puntare molti di più sui vivai. Secondo me ci vuole anche un intervento da parte della Federazione o della Lega che aiutino tutto il movimento, che dicano che una società non può spendere più del 60% o del 70% del fatturato” ha spiegato Cairo.

Cairo è poi tornato sulla questione dei fondi di investimento: “Il mancato ingresso dei fondi nel calcio italiano è stata un’occasione persa, si parlava di 1 miliardo e 700 milioni per il 10%, poi forse si poteva negoziare anche il meglio. Sembrava che tutti avessimo voglia di farli, ma poi alcune società hanno cambiato idea. Poteva essere un’inizione di liquidità che poteva dare una spinta al calcio italiano anche a causa della pandemia, il bilancio del Torino è stato impattato per 20 milioni di euro all’anno, per altre squadre anche di più. La Liga, che negli ultimi 10 anni da quando Tebas è stato nominato presidente, ha colto questa opportunità che noi per prima abbiamo iniziato a perseguire e ci siamo lasciati sfuggire. La Liga 10 anni fa era sotto alla serie A per i ricavi, ora i ricavi della Liga sono molto più alti”.

Al Festival dello Sport si è parlato anche del tema della pirateria, su cui si è espresso anche Cairo: “Il tema della lotta alla pirateria è un tema fondamentale, tra Sky e Dazn ci sono 5 milioni e mezzo di abbonati, il cosiddetto “pezzetto” ha circa 2 milioni di spettatori, questo significa un 30% in più di possibili ricavi. Ma lo Stato deve aiutare. Ci sono ricavi domestici che posso aiutare. Il tetto salariale? E’ una cosa che va fatta. Il tema della commissioni agli agenti è un tema che è diventato una priorità, quando ho iniziato la carriera da presidente c’era solo una percentuale che prendevano gli agenti sull’ingaggio, ora la percentuale è data per scontata ma in più bisogna pagare delle commissioni. E prima di pagare delle commissioni magari vorrei vedere il rendimento del giocatore”.

Infine, il presidente del Torino ha parlato degli ingressi di molte proprietà straniere nel mondo del calcio: “L’ingresso di proprietà straniere nella serie A credo sia positivo. Ricordo che Commisso a un certo punto fece un elenco delle 10 che andrebbero fatte e io concordavo al 100% con le sue idee”.

Urbano Cairo
Urbano Cairo
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 24-09-2022


74 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
mas63simo
mas63simo
2 mesi fa

Non basta : bisogna tornare a sedici squadre(20 per vari motivi il nostro campionato non le regge) intoducendo i play-off tra le prime 8 con partita secca in casa della migliore classificata alla fine sono 37 partite una in meno di adesso ma con maggiori introiti televisivi e maggiori presenze… Leggi il resto »

guidone
guidone
2 mesi fa

al malato mentale che pedissequamente e costantemente provoca,pur avendo fatto una figura di m…a,da coniglio vigliacco quale deve essere,e per la quale dovrebbe vivere nascosto tra i vermi,hai rotto veramente il ca..o,difendi lo squalo,fai quello che ti pare,ma sei vuoi veramente confrontarti fatti vedere allo stadio,io ci sono.

guidone
guidone
2 mesi fa

ma vai a ramengo,squalo banfone…

Torino, Vanja re delle presenze. Ma per Juric anche Vlasic e Djidji sono (quasi) insostituibili

Izzo: “Con Cairo rapporto bellissimo. Juric ha fatto altre scelte, che non condivido”