Armando Izzo, in conferenza stampa, ha parlato del suo addio al Torino e della scelta di vestire la maglia del Monza

Armando Izzo, difensore di proprietà del Torino attualmente in prestito secco al Monza ha parlato in conferenza stampa, spiegando i motivi per cui ha scelto di trasferirsi in Brianza. Queste le sue parole: “Ho scelto Monza perchè è una società molto ambiziosa, un po’ come lo sono io. Qui si può crescere molto, si respira una bellissima aria, c’è tanta positività. Non ci ho pensato due volte, per Berlusconi-Galliani parlano i titoli vinti, si può fare solo bene“. Ha continuato parlando anche del Torino, squadra dove ormai era stato messo ai margini del progetto: “Sono in prestito secco dal Torino, con i tifosi granata e Cairo ho un bellissimo rapporto; il mister ha fatto altre scelte, anche se non le condivido le accetto”. Come abbiamo ricordato è solamente in prestito secco al Monza, quindi a fine stagione tornerà nel capoluogo piemontese ma, stando alle sue dichiarazioni, appare molto difficile che al suo ritorno possa trovare spazio con Juric.

Armando Izzo
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 24-09-2022


23 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
2 mesi fa

Juric e Izzo si sono incrociati al Genoa nel campionato 16-17. Uno da mister subentrante, l’altro da calciatore in rosa. Forse il problema insanabile tra i due e’ nato allora. Visto anche che Izzo da il meglio nella difesa a 3; lo schema rigido applicato da Juric. Altrimenti ( tetto… Leggi il resto »

Palomino e il trofodermin
Palomino e il trofodermin
2 mesi fa

Forse Juric non voleva farsi pugnalare alle spalle nei momenti di difficoltá. Comunque fai pure il ruffiano col tuo nuovo ds, l’anno prossimo ti rispedisce al mittente

BiriLLo
BiriLLo
2 mesi fa

Ipocrisia pura. Pua’

Calcio in crisi, Cairo: “Puntare sui giovani, tetto salariale e taglio alle commissioni per gli agenti”

Lukic, contro la Svezia gol che sigilla il poker della Serbia