Il difensore ha giocato quattro derby con la maglia della Roma. Quello di Torino può essere l’occasione per dimostrare di essere tornato un top player

Leandro Castan è stato una delle più belle conferme di questo inizio di campionato. Il Toro ha puntato su di lui, nonostante fosse stato scartato dalla Sampdoria in estate e nonostante ci fosse su di lui l’incognita del lungo stop. Non si può parlare di sorpresa, perché sulle qualità (anche umane) del giocatore non c’erano dubbi. Con la maglia granata ha trovato continuità, responsabilità e la felicità di tornare di nuovo protagonista sui campi di serie A.

Il derby con la Juventus può essere l’occasione giusta per dimostrare di essere tornato il top player ammirato nelle due stagioni di Roma. L’avversario è il più forte del campionato, gli attaccanti rivali sono molto quotati e il match è importantissimo. Castan è chiamato a una prova da trascinatore: il Toro non può superare la Juventus senza una grande prestazione difensiva e il brasiliano ha dimostrato a più riprese in questo campionato di essere il leader della retroguardia granata.

Con la maglia della Roma Castan ha giocato quattro derby da titolare nei quali i giallorossi hanno subito solo due reti. Oltre alla cocente sconfitta (per 1-0) nella finale di Coppa Italia nel 2013, il brasiliano è stato protagonista, nella stessa stagione, del pareggio per 1-1 nel derby dell’8 aprile 2013. La stagione successiva, la sua migliore in Serie A, Castan ha contribuito a mantenere la porta inviolata in entrambi i derby: il 2-0 del 22 settembre 2013 e lo 0-0 del 9 febbraio 2014. In tutti e quattro ha dimostrato di esaltarsi nel clima infuocato di una stracittadina, e il derby con la maglia del Torino è la partita “di cuore” per eccellenza. Quale occasione migliore per dimostrare di essere tornato uno dei migliori difensori della Serie A?


6 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
deankeatonbig
deankeatonbig(@deankeatonbig)
5 anni fa

Ha parlato il nuovo allenatore in pectore,Bisgranata,esperto di tattiche e schemi..alle sue parole la prima cosa da fare è toccarsi le palle…

BisGranata
BisGranata(@bisgranata)
5 anni fa

Se giochiamo con il nostro centrocampo leggero Valdifiori Baselli Benassi non abbiamo scampo anche se la difesa dovesse reggere, si inserirebbero i centrocampisti e Baselli e Valdifiori sono negati in marcatura. Dobbiamo passare al 4231 o 424 per vincere una partita contro un’avversaria così forte, a maggior ragione se sono… Leggi il resto »

BisGranata
BisGranata(@bisgranata)
5 anni fa
Reply to  BisGranata

Baselli e Ljajic sono meglio da subentranti, sono leggerini e più passa il tempo più si spengono, non hanno tenuta fisica quindi meglio usarli dopo con gli avversari più sulle gambe, viceversa Boye e Acquah sono molto più fisici e resistenti e non hanno quella tecnica sopraffina nel piede per… Leggi il resto »

Mimmo75
Mimmo75
5 anni fa

Intanto il week end inizia benone: i piastrellisti gobbi giocheranno l’ultima gara in EL, da ultimi del girone. Al prossimo turno voglio fuori i gobbi doc dalla CL.

Sisport, ancora tattica per il Toro: lavoro a porte chiuse

Allenamento mattutino, a parte solo Molinaro e Obi