Bremer, da Itapitanga all’esordio contro la Chape: chi è il nuovo acquisto del Toro

15
Bremer Torino

Ecco chi è Gleison Bremer, il centrale prossimo a vestire la maglia del Torino. Arriva dall’Atletico Mineiro, ma la sua storia calcistica inizia a Porto Feliz

Gleison Bremer Silva Nascimento. A un primo sguardo, il nome porta la memoria a quell’Edson Arantes do Nascimento che con il suo “doppio” sportivo Pelé ha insegnato al mondo il gioco del calcio. Questione di assonanze. O più semplicemente di un cognome che, in Brasile, è diffuso come Ferrero in Piemonte. Meglio ritagliare il tutto a Bremer, allora. Per evitare confusioni di denominazione e di ruolo. Sì, perché il giovanissimo classe 1997 di mestiere fa il difensore, non l’attaccante, ed è anche per questo che è ormai prossimo al trasferimento in granata, visto che Mazzarri di punte, mezzepunte, esterni e trequartisti ne ha fin sopra i capelli. I difensori, invece, servono come il pane. E dopo aver inseguito per mesi e mesi il connazionale Verissimo – risucchiato in un vortice di falsi agenti, commissioni impreviste e dichiarazioni contraddittorie che con il suo cognome avevano ben poco a che fare -, Cairo e Petrachi hanno puntato su di lui. Che non arriva dal Santos, ma dall’Atletico Mineiro.

Bremer, il San Paolo in prestito e il ritorno al Desportivo

Andiamo con ordine. Bremer è nato a Itapitanga, piccolo centro dello stato di Bahia. Il calcio, però, lo porta presto a San Paolo. Nella cittadina di Porto Feliz, per la precisione. Nelle giovanili del club locale, il Desportivo Brasil – fondato nel 2005 dal colosso Traffic Group, il re dei diritti sportivi delle Americhe -, Gleison inizia a mettersi in mostra. Le buone prove nella formazione Under 19, la nostra Primavera, gli valgono la chiamata illustre del Tricolor, nel gennaio 2016, che da quelle parti è un’istituzione. Certo, è solo un prestito. E solo per la squadra giovanile. Ma affacciarsi dalle parti del Morumbi non è mai banale per chi sogna di fare il calciatore in Brasile.

Bremer al Torino dall’Atletico Mineiro, dove è esploso

Il ritorno al Desportivo, nel dicembre dello stesso anno, sposta solo di qualche mese il salto nel calcio dei Grandi. Gennaio 2017: per 380.000 real, Bremer firma con l’Atletico Mineiro. E’ l’inizio della scalata che, ad un anno e mezzo da allora, lo porta oggi ad essere praticamente un nuovo giocatore del Toro. A Belo Horizonte, il centrale inizia con le giovanili, salvo poi fare il suo esordio nella Serie A 2017 contro la Chapecoense, subentrando all’infortunato Rodrigao. Da lì in poi, le occasioni sono diverse. 13 presenze totali (10 dal primo minuto), di cui una in Libertadores, al primo anno; 12 nel campionato 2018 – con tanto di prima rete tra i professionisti contro l’Atletico Paranaense -, quello al momento in pausa vista la concomitanza di Russia 2018. Con il Galo, Bremer ha bruciato le tappe, mostrando buone doti come colpitore di testa (e visti i 188 cm di altezza non poteva essere diversamente) e qualità potenzialmente interessanti nella lettura tattica dei movimenti avversari che spesso gli garantiscono di leggere in anticipo il pericolo. Tutte caratteristiche che avevano impressionato Monchi e la Roma, oltre al Torino. Ora, però, Bremer sarà granata. Con tutto il suo talento ancora da sgrezzare ad alti (e altri) livelli.

più nuovi più vecchi
Notificami
ToroSamp
Utente
ToroSamp

Si l’articolo mi ha emozionato perché noi abbiamo bisogno di conoscere i nuovi acquisti. Ma quando arriveremo a comprare qualcuno che basta nominare per sapere di chi di tratta come fanno quelli dell’altra sponda?!? Sigh!

Roland
Utente
Roland

Faccio i complimenti all’autore dell’articolo; un articolo scritto bene, originale, documentato e meno didattico dei tanti che si leggono. Ogni tanto va riconosciuto anche il vostro lavoro.

Vanni(La ghisa fa schifo)
Utente
Vanni(La ghisa fa schifo)

Mah. Anche nello sguardo assomiglia a Carlao. Non vorrei fosse suo cugino.