Torino, Cairo e Bava a confronto: il futuro del ds al centro del colloquio

Confronto Cairo-Bava: il futuro del ds al centro del colloquio

di Andrea Piva - 5 Maggio 2020

Ieri c’è stato un incontro tra Cairo e Bava: i due hanno avuto modo di parlare del futuro del Torino e di quello dell’attuale direttore sportivo

Era a Torino, ieri, Urbano Cairo. Al mattino si è recato a Superga per rendere omaggio agli Invincibili insieme al direttore generale Antonio Comi, al direttore operativo Alberto Barile e a una delegazione di parenti delle vittime dell’incidente del ’49. Al pomeriggio si è invece incontrato con Massimo Bava per parlare del futuro della società granata ma, soprattutto, del futuro dell’attuale direttore sportivo che, salvo colpi di scena, lascerà il proprio ruolo a Davide Vagnati.

Torino: il futuro di Bava è un’incognita

Il Torino e l’ex dirigente della Spal sembrano essere ormai sposi promessi: non è ancora noto il giorno delle nozze ma il matrimonio è destinato a farsi. La grande incognita è cosa ne sarà di Bava, uno dei principali artefici dei successi degli ultimi anni della Primavera (ma non solo), che senza spendere un euro ha portato sotto la Mole giocatori come per esempio Kevin Bonifazi (a gennaio proprio Vagnati lo ha acquistato alla Spal per 12 milioni di euro) o Jacopo Segre, che in estate dovrebbe tornare alla base dopo una buona stagione al Chievo Verona. E’ stato promosso a direttore sportivo meno di un anno fa, dopo l’addio di Gianluca Petrachi, ha ricostruito la rete di osservatori ma non ha avuto molte possibilità di operare sul mercato per via della linea che la società ha scelto di seguire. La scorsa estate, ricorderete, nessun giocatore è stato ceduto e si è voluto accontentare Walter Mazzarri completando la rosa con soli tre acquisti: un portiere di riserva (Samir Ujkani), un terzino sinistro (Diego Laxalt) e un esterno d’attacco / trequartista (Simone Verdi, giocatore richiesto espressamente dallo stesso tecnico toscano).

Torino: Cairo con Vagnati vorrebbe anche l’attuale ds

Cairo non vorrebbe lasciar partire Bava e per questo motivo, durante il colloquio di ieri, ha prefigurato al dirigente alcuni possibili scenari futuri, proponendogli ruoli diversi dall’attuale nel Torino. In pratica, il presidente granata spera che l’arrivo di Vagnati non corrisponda obbligatoriamente all’addio di Bava. Resta però da capire se l’attuale ds accetterà o no di lasciare il proprio incarico e restare comunque in granata: ha ancora un po’ di tempo prima di dover prendere una decisione definitiva.

Massimo Bava e Nicola Rauri
Massimo Bava e Nicola Rauti, Torino
0 0 vote
Article Rating

4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Vegeta
Vegeta
1 mese fa

Si parla spesso di pancia e poco con la testa. Una domanda ma chi sa quale erano le regole di ingaggio di Bava per dire se ha fatto bene o male? Un DS non si occupa solo di calciomercato ma della relazione squadra società a tutto tondo. Se lo spogliatoio… Leggi il resto »

michelebrillada
michelebrillada
1 mese fa

cairo è un personaggio squallido inaffidabile sono quindici anni che ci prende tutti per il culo di calcio è altamente incompetente ha avuto il culo di trovare petrachi e ventura che gli hanno fatto guadagnare un mare di soldi e lui ha depauperato un capitale con niang ,zaza, coco ,crlao,barreto,meite,verdi,laxalt,… Leggi il resto »

GD ( 0.3ini da non confondere con i delusi/arrabbiati)
GD ( 0.3ini da non confondere con i delusi/arrabbiati)
1 mese fa

come spesso succede, la rabbia per i risultati negativi fa andare oltre a quella che è la logica e la realtà. michele, con carlao e laxalt per dire, non si è dilapidato un cax.xo. meite è arrivato in cambio di barreca. Barreto fu fortissimamente voluto da ventura . coco è… Leggi il resto »

GD ( 0.3ini da non confondere con i delusi/arrabbiati)
GD ( 0.3ini da non confondere con i delusi/arrabbiati)
1 mese fa

non si disperda il talento di Bava. anche per lui parlano i fatti. anni, stagioni di risultati con le giovanili. 1 anno puàò essere il caso, oppure il cubo. 2 anni lo stesso una serie di stagioni terminate sempre ai vertici significano un lavoro di fondo che ha funzionato. ce… Leggi il resto »