I precedenti di Crotone-Torino / L’ultima partita fu una vittoria: Belotti gelò lo “Scida”. Più incontri in Serie B, poco avvincenti

Non è certamente secolare la storia che incrocia i destini calcistici di Crotone e Torino. Anzi. Poche sono infatti le sfide tra calabresi e piemontesi, che in totale si sono sfidati 15 volte, a partire dall’ormai lontano campionato 200/2001, quando il Toro dei miracoli di Camolese riuscì a centrare la promozione dopo un inizio particolarmente complicato. In quella stagione, il Toro si impose sia al “Delle Alpi”, sia allo “Scida”, per 1-0. E fuori dalle mura amiche fu quella l’unica vittoria fino alla scorsa stagione. In questa occasione, la prima nel campionato di Serie A tra le due squadre, a permettere ai granata di vincere fu una doppietta di Belotti arrivata negli ultimi dieci minuti: due gol importantissimi, che rilanciavano il Toro dopo qualche problema nelle gare precedenti.

In generale, però, Crotone-Torino non ha mai regalato particolari emozioni. Anzi, qualche volta delle cocenti delusioni. Come quella nel campionato 2009/2010, con i peones allenati da Colantuono. La rivoluzione petrachiana, ai tempi, era già avvenuta, e il Toro provava a risollevarsi da una prima parte stagionale altamente problematica: proprio il Crotone costò all’andata l’esonero del tecnico romano, sotituito per poche partite da Beretta. Nel ritorno, dopo soltanto 60 secondi segnò, per la squadra allora guidata da Franco Lerda, un certo Gabionetta. Il brasiliano fu il primo di una lunghissima serie di telenovele mercatare che hanno riguardato il Toro negli ultimi anni. E, purtroppo, fu anche un flop. Non in quella partita: il suo gol condannò il Toro alla sconfitta, che non influì però nel raggiungimento dei playoff. Forse, con tre punti in più, la squadra avrebbe però avuto un altro calendario negli spareggi. Ma staremmo parlando di un’altra storia.


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ug69
ug69 (@ug69)
4 anni fa

Curva primavera non mollare. #CAIROVATTENE

Molinaro, gli errori lo spingono in panchina: pronto Ansaldi

Rincon: “Tante ammonizioni? Sì, perché gioco sempre al massimo”