La rosa granata di quest’anno è composta da ben 9 nazionalità diverse, ma con una netta superiorità italiana tra difesa e centrocampo. L’attacco è un mix di etnie

C’è più multietnicità nel Toro di questa stagione, che se, da un lato, parla italiano in difesa e a centrocampo, dall’altro, è multilingue nel reparto avanzato. Decisamente made in Italy, infatti, è il reparto arretrato granata che, insieme ai giocatori che saranno schierati a centrocampo, dovrà cercare di insegnare la lingua, elemento fondamentale al fine di una buona comunicazione, al portiere britannico Hart. I difensori a disposizone di Mihajlovic sono 10, come quelli dello scorso anno, ma mentre nella passata stagione gli italiani, tra i difensori, erano solo 4 su 10, adesso c’è stato un netto aumento che ha portato altri 3 italiani a completare il pacchetto difensivo granata: a Bovo, Moretti, Molinaro e Zappacosta si sono, infatti, aggiunti Barreca, Rossettini e De Silvestri.

Inoltre i titolari della difesa dello scorso anno erano soltanto Moretti e Molinaro, mentre quest’anno, oltre a Moretti e Molinaro, c’è anche De Silvestri che, voluto fortemente da Mihajlovic, difficilmente siederà in panchina, e Rossettini, che si giocherà il ruolo di titolare al centro della difesa con il brasiliano Castan, apparso in crescita contro il Bologna.

A centrocampo è rimasto invariato il numero di giocatori di nazionalità italiana, sempre fermo a 4, la novità sta nel nuovo acquisto Valdifiori, che andrà ad insidiare il trio granata Baselli, Benassi, Vives, portando però qualità e geometrie in mezzo al campo. Reduci dallo scorso anno sia il nigeriano Obi che il ghanese Acquah, che, insieme a Gustafson, proveniente dalla Svezia, e a Lukic, serbo, contribuiranno a dare internazionalità al club di Cairo. Nel reparto avanzato, su 7 attaccanti, solo 2 sono italiani, Belotti e Aramu, mentre i restanti quattro sono due di nazionalità argentina, Maxi Lopez e Boyè, uno di nazionalità spagnola, Iago Falque, e infine un serbo, Ljajic. Se consideriamo che, nella passata stagione, per un breve periodo, l’attacco del Toro è stato composto da Belotti, Immobile e Quagliarella, oltre che dal venezuelano Martinez e dall’argentino Maxi Lopez, c’è stato un lieve calo degli elementi tricolore in avanti.

Pertanto, mentre tra difesa e centrocampo spiccano i giocatori nostrani, in avanti c’è un mix di Sud America, ovest ed est Europa, insieme all’Italia, che però assicura una giusta dose di classe, gol e imprevedibilità.

TAG:
toro

ultimo aggiornamento: 01-09-2016


7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Cla79
Cla79(@cla79)
5 anni fa

Quindi rossettini darebbe il cambio a castan?? Ma che cacchiarola scrivi? Castan se la gioca con moretti. Rossettini con bovo….

granatamen66
granatamen66(@granatamen66)
5 anni fa

Un pacchetto difensivo che poteva contenere benissimo Simunovic…che figuraccia…..ho letto le dichiarazioni del ragazzo e del Celtic…il ragazzo ha superato le visite mediche ..di tutti e due i giorni…ogni singolo test…ma il Torino ci ha ripensato e voleva cambiare i termini dell’accordo volendolo in prestito, poi nn accettato dal Celitc….… Leggi il resto »

farfalla_granata
farfalla_granata(@farfalla_granata)
5 anni fa
Reply to  granatamen66

Di preciso dal di fuori è difficile capire il motivo per cui il Torino abbia mollato Simunovic. Prima dell’infortunio (grave) se ne parlava benissimo. Il fatto che sia stato acquistato dal Celtic a 7,3 milioni di Euro e veniva lasciato partire per poco più della metà, creando un minusvalenza in… Leggi il resto »

carbonaro doc
carbonaro doc(@carbonaro-doc)
5 anni fa
Reply to  granatamen66

Eh beh, che ti aspettavi che il Celtic e simunovic dicessero: “In effetti il ginocchio non è ancora a posto. Ci abbiamo provato ma è andata male”? Se simunovic era al 100% ed è quel gran talento che tutti dicono, come mai il Celtic se ne voleva disfare vendendolo a… Leggi il resto »

tric
tric(@tarcisio-ricca)
5 anni fa
Reply to  carbonaro doc

Perfetto!

Bakero
Bakero(@bakero)
5 anni fa
Reply to  granatamen66

Ognuno tira l’acqua al suo mulino…mica poteva dire ai tifosi che se ne voleva andare ma non lo hanno preso perché è rotto …

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)(@vanni)
5 anni fa
Reply to  granatamen66

sta di fatto che grandi calciatori con gli stessi problemi, purtroppo hanno passato il resto della carriera in infermeria, quindi….meglio no.

Toro, in rosa c’è un giocatore in più: Avelar rischia il taglio dalla lista

Molinaro, botta al ginocchio, per Maxi Lopez riposo precauzionale