Giampaolo tiene il Toro sulla corda: "Una sola vittoria non conta nulla" - Toro.it

Giampaolo tiene il Toro sulla corda: “Una sola vittoria non conta nulla”

di Francesco Vittonetto - 8 Novembre 2020

Prima di Torino-Crotone, Giampaolo ha frenato l’ottimismo: la squadra non è guarita dopo Genova. Serve continuità. E l’avversario è difficile

Se già a Marassi, dopo la vittoria nel recupero contro il Genoa di mercoledì, Marco Giampaolo non si era lasciato andare all’ottimismo (“La squadra è ancora sotto un treno”: metafora evocativa), prima del Crotone il tecnico ha puntato gli occhi sulla classifica che ancora spaventa. Il suo Torino è terzultimo a quattro punti, tre in più dei pitagorici che sono sul fondo: “Abbiamo l’acqua alla gola, per questo non possiamo sbagliare”. Un invito a non pensare nemmeno per un attimo di abbassare la guardia. Perché i tre punti raccolti in settimana sono un troppo misero bottino, se raffrontati alle sei precedenti partite senza successo e al dramma vissuto in casa contro la Lazio (il Toro vinceva 3-2, poi ha perso 3-4 nel recupero). Il gruppo va tenuto sulla corda.

I timori verso il Crotone e l’umiltà che chiede al Torino

Giampaolo lo ha fatto anche perché teme l’avversario che arriverà al “Grande Torino”. Il Crotone di Stroppa ha una precisa idea di calcio e non ha paura di perseguirla. Fin qui ha guadagnato appena un punto, ma il campo ha fatto emergere ben altri valori. L’allenatore di Giulianova, insomma, non si fida. E fa bene. Il Toro giocherà domani la quinta partita in due settimane e non sarà dunque al meglio dal punto di vista fisico. Davanti a un collettivo affamato è dietro l’angolo lo scivolone. Che, prima della sosta, sarebbe deleterio.

Il richiamo è dunque alla continuità. “Dobbiamo avere la capacità di fotocopiare un certo tipo di prestazione nel tempo: una partita (quella, vincente, contro il Grifone, ndr) non conta nulla”. Per un gruppo ancora instabile dal punto di vista mentale, è necessario che l’autostima si costruisca un mattone dopo l’altro. Una debacle, sarebbe insomma la mazzata al pugile in procinto di rialzarsi dal tappeto.

L’unico modo per evitarla è applicare con umiltà il lavoro fatto. Non conosce altra ricetta, Marco Giampaolo. Che al Filadelfia ha visto un gruppo stanco ma concentrato: ora non ammette cali nella partita contro il Crotone.

Marco Giampaolo
Marco Giampaolo

1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
vecchiamaniera
vecchiamaniera
23 giorni fa

In tutta l’era cairota nn ho mai provato empatia x gli allenatori.Salvo Sinisa e Longo.Giampa dimostra carattere,soffre e non si risparmia,coinvolgendo i giocatori cercando di svuotarli dalla melma accumulata dal Uolter-pensiero.Forza Mister e Forza Ragazzi,fuori i c0j0πI 👊