Hart, onora il Grande Torino: a Superga “con rispetto”

di Redazione - 31 Marzo 2017

Ieri, Hart ha recato visita alla lapide degli Invincibili. La foto sui social scatena il boom di condivisioni: il portiere sempre più nel cuore del Torino

Un gesto, come sempre, non dovuto. Ma voluto. Che dimostra ancora una volta quanto Joe Hart si senta parte di questo Torino. La parabola granata dell’estremo difensore inglese si arricchisce di un nuovo, splendido capitolo. Uno dei più belli, anzi: ieri Hart ha infatti deciso di recare visita alla lapide dei giocatori del Grande Torino, a Superga. A poco più di un mese dall’anniversario del tragico incidente che coinvolse Valentino Mazzola e compagni, il giocatore in prestito dal Manchester City ha voluto fare la sua personale visita a Superga. “Con rispetto, per onorare la memoria del Grande Torino” dice lui, attraverso i social network. Un gesto, bello, che non passa inosservato, e che conferma ancora di più quanto forte sia diventato il legame tra Hart e la piazza.

E chissà se quello che ha dichiarato, pensando al calciomercato, circa l’accoglienza che gli è stata riservata dai tifosi del Torino, non possa davvero avere un peso, a fine stagione. I tifosi lo sperano, pur sapendo le difficoltà economiche che riguardano l’operazione. Ma sperare è lecito, e provare ad accontentare la piazza, entro limiti ragionevoli, è fin doveroso. Soprattutto se si vorrà davvero compiere questo benedetto salto di qualità.

 

più nuovi più vecchi
Notificami
Scin{Rho[Scin(Rho)]}
Utente
Scin{Rho[Scin(Rho)]}

Beh, come dicevo tempo fa, sono tre gli UOMINI di cui non mi priverei: Hart, Belotti e Moretti. E parlo di uomini, non calciatori…anche se spesso le cose vanno di pari passo…

leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
Utente
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)

Signori miei…..questo è un’uomo che merita di indossare la nostra maglia.un immenso GRAZIE JOE

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Utente
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)

Condivido in pieno i commenti di ammirazione per il gesto del nostro goalkeeper, in particolare, come Roberto e Mick, ho notato la postura rispetto al luogo e allo scatto. Davvero degno di plauso.