I due allenatori si ritroveranno insieme al Grande Torino: il 24 maggio del 2009 la rissa dopo Torino-Genoa

Passato dai tratti simili e comuni per Ivan Juric e Thiago Motta, sia per quando riguarda la carriera da giocatori che in panchina. Il percorso di calciatori di Ivan Juric e Thiago Motta si lega ai colori rossoblù del Genoa. Entrambi sono giunti in Italia proprio sposando la maglia del Grifone. Thiago Motta, dopo aver vinto tutto da riserva a Barcellona ed aver indossato la “camiseta” dell’Atletico Madrid per sole sei gare, approda in Liguria nell’estate del 2008. In quello spogliatoio trova Ivan Juric, fiero scudiero di Gasperini con cui ha condiviso l’esperienza a Crotone (2001-2006) e, soprattutto, l’annata 2006-2007, quella della promozione in Serie A del Genoa. Che stagione per i rossoblù la 2008-2009! L’unica vissuta a stretto contatto dai due protagonisti: quell’anno il Grifone ha sfiorato una clamorosa qualificazione ai preliminari di Champions League.

In campo il quel 24 maggio 2009 sfociato in rissa

La cavalcata dei genoani si è ovviamente incrociata con quella tremenda del Torino verso la retrocessione tra i cadetti All’andata al Ferraris un netto 3-0 in favore dei rossoblù, il ritorno non può che suscitare ricordi ancora più amari per i tifosi granata. Forse una delle fotografie più cupe dell’ultimo stralcio di storia del club. Quel 24 maggio 2009 il Toro perde 2-3 e di fatto retrocede in Serie B (l’aritmetica arrivò una settimana dopo), con l’aggravante della rissa finale che fece da sfondo non solo al nervosismo di una nefasta stagione, ma soprattutto inficiò sullo storico gemellaggio che esisteva tra le due tifoserie.

Esordio in A nel Genoa

Juric e Motta giocarono quella partita uno al fianco dell’altro per gli interi novanta minuti. La vittoria per 2-3 non consentì loro lo stesso di disputare le fasi preliminari della “coppa dalle grandi orecchie”. Discorso che regge per l’italo-brasiliano, che la Champions l’anno seguente la giocò eccome e la vinse nella notte di Madrid, quella da re di Diego Milito, che con luì firmò con l’Inter l’estate precedente. Dopo Milano fu la volta di Parigi, prima di appendere gli scarpini al chiodo nel 2018. Il ritiro dal calcio giocato di Juric avvenne invece proprio mentre Thiago Motta festeggiava la vittoria nella competizione continentale. Da quel momento tanta gavetta in panchina, fino alla grande occasione del 2016, quando viene chiamato alla guida del suo Genoa. E’ la prima stagione in Serie A e non sarà delle più semplici. Nel girone di ritorno viene esonerato per fare posto ad Andrea Mandorlini per poi venire richiamato a condurre i suoi alla salvezza. Nell’annata seguente un altro esonero, questa volta in favore di Davide Ballardini, a cui ruberà il posto nell’ottobre 2018 prima di essere nuovamente allontanato in favore di Cesare Prandelli.

Nel primo testa a testa ha vinto l’italo-brasiliano

Nell’estate 2019 il Genoa sceglie Aurelio Andreazzoli, ma la verve di mangia allenatori di Enrico Preziosi non si placa ed ecco il ben servito. La scelta sul nuovo tecnico è un’anomalia per il grande calcio, a maggior ragione per le squadre che devono lottare per la salvezza. Thiago Motta accetta l’incarico, senza nessuna panchina di rodaggio tra i professionisti. L’inesperienza si farà sentire e gli costerà la panchina. La vittoria all’esordio per 3-1 con il Brescia resterà l’unica in dieci gare e dopo il 4-0 incassato contro l’Inter viene allontanato dalla squadra. Juric sceglierà Verona per rilanciarsi e mai scelta sarà così tanto azzeccata. Con gli scaligeri riuscirà a sbancare la Spezia col risultato di 0-1, ma sulla panchina dei liguri ci sarà Vincenzo Italiano. L’unico precedente tra i due ex compagni di squadra avverrà infatti soltanto lo scorso 6 novembre, con il successo spezzino frutto del gol di Jacopo Sala.

Thiago Motta
Thiago Motta
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 21-04-2022


7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
25 giorni fa

Acqua passata, guardiamo avanti. Con lo Spezia non penso che sarà una passeggiata, giocano un calcio molto aggressivo e non mollano mai. I nostri dovranno dare il meglio, anche considerato che non avremo il Capitano, che di riffa o di raffa rappresenta sempre un pericolo per gli avversari, e un… Leggi il resto »

mavafancairo
mavafancairo
25 giorni fa

abbiamo avuto diverse occasioni, in seguito, per restituire quel simpatico ‘favore’ al Genoa ma non essendo più il Toro, bensì il CerchiamodistareagallaFC, non ci abbiamo nemmeno provato

mavafancairo
mavafancairo
25 giorni fa
Reply to  mavafancairo

mi correggo, diverse no, ma qualcuna sì

ciribiri
ciribiri
25 giorni fa

Ricordo bene , ero in tribuna ovest, la grande provocazione di motta che ha scatenato la rissa e ricordo anche la grande sufficienza con cui giocò Abate, al punto di farsi espellere, ormai certo di tornare al Milan…. 2 grandi pezzi di menta…

suoladicane
suoladicane
25 giorni fa
Reply to  ciribiri

quoto

Fabio (febius6)
Fabio (febius6)
25 giorni fa
Reply to  ciribiri

Anch’io ricordo molto bene! Motta ma anche Rubinho, Ferrari, Ruben Oliveira, Gasperini tutti a provocare per poi andare davanti alle telecamere a piangere! Io ero nei distinti non lontano dal settore ospiti e diversi genoani durante la partita cantavano “fino alla fine forza Bologna”…e c’era ancora qualcuno che credeva al… Leggi il resto »

T9
T9
25 giorni fa

Vorrei dire la mia ma mi astengo. D’altronde non posso litigare con tutti 😀

Trenta milioni di debiti: il Toro è più esposto con le banche

Buongiorno: “Nesta e Nadal i miei miti. Torino la mia città preferita”