Dall’esordio con il Nantes all’esperienza con Ranieri: ecco chi è Djidji

di Giulia Abbate - 14 Novembre 2018

Ecco chi è Koffi Djidji: le caratteristiche del difensore francese naturalizzato ivoriano

Lévy Koffi Djidji, questo il nome completo, è nato nel 1992 nato a Bagnolet, in Francia ma è naturalizzato ivoriano. Di piede destro, è un giocatore forte fisicamente e bravo nel gioco di piedi. Cresciuto nelle fila del Nantes, grazie al quale esordisce in prima squadra nel 2012, dopo le 29 presenze della stagione 2017/2018 è alla ricerca della continuità che in carriera non è ancora riuscito a trovare.

Chi è Djidji, l’esordio con il Nantes e l’esperienza da terzino sinistro

Il difensore naturalizzato ivoriano ma cresciuto in Francia rappresenta così l’ultimo acquisto della retroguardia granata. Reparto nel quale potrà contare sulla presenza di Nkoulou sia per quanto riguarda l’esperienza tecnica sia, ovviamente, per la lingua. Il giocatore, 25 anni di 184 cm per quasi 80 kg di peso, è certamente una pedina importante dal punto di vista fisico mentre tecnicamente dovrà ancora lavorare molto.

Walter Mazzarri, head coach of Torino FC, gestures during the Serie A football match between Torino FC and Frosinone Calcio.

Nel Nantes ha esordito in prima squadra dopo aver fatto tutta la trafila delle giovanili arrivando in Ligue 1 e giocando prevalentemente sul lato destro. Come avevamo già raccontato, tuttavia, Djidji è un profilo in grado di agire anche a sinistra come dimostra l’ultimo campionato disputato con i francesi. Lo scorso anno, infatti, con Ranieri ha giocato soprattutto da terzino sinistro. Una versatilità che, se perfezionata, può certamente essere un’arma in più per Mazzarri e per lo stesso giocatore.

Djidji del Torino: lo stipendio

Il difensore ex Nantes approda al Torino sulla base del classico prestito con diritto di riscatto fissato a 7 milioni. Una formula che il Torino sta adottando per tutti i giocatori stranieri che ancora non rappresentano una certezza ma una scommessa e che che ha permesso alla società granata di trovare l’accordo anche con i francesi.

Alla corte di Mazzarri, invece, il difensore ivoriano percepirà uno stipendio che si aggira attorno agli 800 mila euro. L’esordio per in Serie A per l’ivoriano arriva in occasione di Atalanta-Torino.