Ljajic: “Contro la Roma il pubblico sarà la nostra arma in più”

53
CAMPO, 27.8.17, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, Serie A, TORINO-SASSUOLO, nella foto: Adem Ljajic esulta dopo gol 2-0

Il trequartista granata presenta la sfida contro i giallorossi: “Ci aspettavamo una classifica più bella, ma stiamo vivendo il momento tranquillamente”

Prova a guardare con fiducia al brutto momento del Toro Adem Ljajic che, ai microfoni di Torino Channel, presenta la sfida contro la Roma, ricordando subito il precedente positivo dell’anno scorso: “Anche quest’anno spero andrà bene. Sicuramente ci aspettavamo una classifica un po’ più bella, con qualche punto in più. Ma il calcio è bello anche per questo, perché le partite sono facili solo sulla carta: in Italia sono tutte difficili. Si devono tutte affrontare con la giusta mentalità perché si rischia di perdere o pareggiare. Penso che ultimamente abbiamo fatto buone prestazioni ma non risultati. Nelle ultime due eravamo più forti e potevamo fare meglio, prendendo qualche punto in più. Dobbiamo dimenticare subito e arrivare al meglio alla Roma”.

Continua Ljajic: “Stiamo vivendo il momento tranquillamente, lavoriamo tanto in allenamento. Penso che abbiamo dato tutto, provando a vincere, peccato soprattutto per la partita col Verona, dove potevamo chiuderla e alla fine abbiamo pareggiato. Dobbiamo cercare di crescere ogni giorno, sono sicuro che questo gruppo riuscirà a fare buoni risultati e un buon campionato”. L’ex della sfida, poi, prosegue: “La Roma è forte, li conosco molto bene. Ho tanti amici la, in pochi minuti posso metterti in difficoltà, dobbiamo essere concentrati 95’, sbagliare il meno possibile e provare a vincere. Non sarà semplice, perché loro sono forti”. E sui punti di forza del “Grande Torino” Ljajic non ha dubbi: Il nostro pubblico sarà un’arma in più, ci aiutano sempre, in casa è bello giocare, le cose diventano più semplici”.

53 Commenti

  1. Ma guarda un po’, come sempre, la casualità. A parte il fatto che non mi risulta che “l’arma in più”, fino ad ora, abbia sortito effetti miracolosi, eh. A parte “sparare” applausi a vanvera dopo prestazioni imbarazzanti.

  2. Qualcuno chiede con sottile ironia: “Ma anche l’Atalanta ci asfalta?”
    Se le partite non le vedete e guardate solo la classifica parzialissima e prematurissima delle primo otto giornate, la vostra ironia suona come un campanaccio stonato.

    Chissenefrega se la l’Atalanta ci “asfalta” : l’Atalanta è ben più forte di noi, anche un cieco lo vedrebbe. Poi in novanta minuti, tra coppe e infortuni, può accadere di tutto. Campanoni che non siete altro.

  3. Caro ragazzotto, il pubblico non puó fare miracoli e poi il nostro stadietto cosa puó partorire? Tolte le 7/8 grandi che hanno un pubblico ed uno stadio da serie A ci sono genoa, sampdoria, atalanta che hanno un pubblico con i cazzi e controcazzi. Poi veniamo noi, bologna cagliari e giù fino al benevento, che comunque come curva non è malaccio.
    Cercate di non prenderne più di 3…e non fare figuracce, tanto non esiste confronto sul campo, manco fossimo in dodici e loro in dieci