Rientrato da titolare dopo due mesi, Lovato si è reso protagonista in negativo contro l’Inter: ora aumentano i dubbi sul riscatto

Adieu, Europa. Con la sconfitta contro l’Inter e i conseguenti risultati positivi di Fiorentina, Lazio e Napoli, il Torino vede sfuggire ormai definitivamente le possibilità di una qualificazione in Europa che negli ultimi tempi sembrava ormai utopica. I granata hanno resistito solo un tempo contro i campioni d’Italia, cadendo poi solo a causa della doppietta di Calhanoglu. Prima un gol nato da una bella azione dei nerazzurri, poi un rigore segnato per una grossa ingenuità di Lovato. Il rientro da titolare del centrale dopo due mesi – per usare un eufemismo – non è andato nel migliore dei modi.

Una brutta prestazione

Schierato dal primo minuto dopo più di due mesi, Lovato non ha ripagato la fiducia di Juric. A un primo tempo fatto di stenti, infatti, ha seguito una seconda metà di gara condizionata soprattutto dal rigore causato. Un brutto intervento del numero 6, che nel tentativo di intercettare un pallone ha colpito malamente Thuram, il quale si è poi accasciato a terra. Da lì, il Torino e soprattutto lui non si sono ripresi, terminando la partita quasi in bambola. Una prestazione dunque negativa quasi per tutti, ma soprattutto per lui.

E in futuro?

A questo punto, dando un’occhiata agli ultimi mesi, il futuro del difensore sembra essere molto in bilico. Lovato è arrivato nel mercato invernale in prestito con diritto di riscatto dalla Salernitana. Difficilmente, però, il riscatto verrà esercitato: il classe 2000 ha giocato molto poco – soprattutto da marzo in poi – e quando lo ha fatto non si è mai contraddistinto in negativo, anzi. In questo momento è più probabile immaginare un ritorno a Salerno, in Serie B, ma il centrale ha ancora 4 partite per mettersi in mostra, senza pressioni.

Matteo Lovato
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 29-04-2024


11 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
thethaiman
23 giorni fa

Ieri non ha mai anticipato il suo avversario, l’ha sempre tirato per il braccio o per la maglia. Rumenta.
Il prossimo anno comunque ci tornano indietro Radonjic, Seck e Ilkhan. Poi però il cretino non sarà Juric ma il suo successore.

ale_maroon79
23 giorni fa

Avrà anche combinato qualcosa di buono con Juric in passato, ora sembra lo stesso difensore visto a Salerno, cioè un giocatore adatto forse per la Serie B (dove probabilmente giocherà l’anno prossimo).

direibene18
23 giorni fa

Come si fa ad andare in EU con dei Lovato ecc…. qualcuno me lo può spiegare?

Sangueblu
23 giorni fa
Reply to  direibene18

Perchè secondo te c’è qualcuno che in EU ci vuole andare veramente???

direibene18
22 giorni fa
Reply to  Sangueblu

In società NO

Torino, il ritorno a centrocampo di Tameze è da dimenticare

Lazaro, il cambio di ruolo non è servito: un’altra bocciatura contro l’Inter