Mancini alla vigilia della Germania: “La speranza è che chi è in B possa arrivare in Serie A velocemente, giocare e fare gol”

La Nazionale italiana, reduce dal k.o. in Finalissima con l’Argentina, si appresta ad affrontare le gare che danno il via alla nuova Nations League. Roberto Mancini, alla conferenza stampa di vigilia del match con la Germania, ha voluto dare un suo commento relativamente a uno dei problemi che affliggono questo momento di scarsa fiducia degli Azzurri, cioè lo scarso feeling col gol. “Questo ci preoccupa, certo che ci preoccupa. Nel calcio per vincere devi fare gol e devi trovare attaccanti che in questo momento in Italia non ci sono”. Un messaggio inequivocabile, riferito chiaramente a quelli che sono gli interpreti offensivi in questo momento selezionabili dal ct, tra cui figura anche Andrea Belotti. “Se gli unici due sono ancora Belotti e Immobile, e l’unico che ha fatto gol in Serie A è Scamacca e non ha una gara di livello internazionale, ci preoccupa. La speranza è che chi è in B possa arrivare in Serie A velocemente, giocare e fare gol. La nostra speranza è questa”.

Roberto Mancini
Roberto Mancini, ct della Nazionale
TAG:
Belotti home

ultimo aggiornamento: 03-06-2022


20 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Cup
Cup
1 mese fa

Mancini, l’unico che non è riuscito a sfruttare l’innato senso del gol di Immobile. Con Zeman, Ventura, Sarri e Inzaghi (2 volte) ha vinto la classifica cannonieri, ma lui spera che arrivi uno dalla B…

ale_maroon79
ale_maroon79
1 mese fa

Bravo Mancini, degno rappresentante della federazione calcistica nostrana: quando si vince è merito suo, quando la squadra fa figure meschine è colpa dei troppi stranieri in campionato, degli attaccanti fuori forma etc etc
Muovergli qualsiasi critica sulle convocazioni o sui giocatori messi fuori ruolo è considerata lesa maestà.

tric
tric
1 mese fa

Caro Mancio, tu e la squadra dovete bere qualcosa che … metta le ali ….

Seck si racconta: “Nazionale? Al Senegal ho detto subito sì”

Pagellone / Lukic, che exploit! Con Juric è diventato un leader