Torino, Belotti titolare con la Nazionale con la Bosnia

Il Toro e la Nazionale: il Gallo vuole stupire (anche) in azzurro

di Andrea Flora - 15 Novembre 2019

Belotti, capitano e pilastro della squadra: azioni, gol e punizioni dipendono da lui. Mancini lo lancia con la Bosnia

Andrea Belotti è il vero perno del Torino di Walter Mazzarri: sette dei quindici gol realizzati dai granata in campionato sono suoi. Da solo però il Gallo non basta e l’attacco deve trovare un’alternativa per realizzare di più e di conseguenza vincere più partite. Trovata l’intesa, i gol tanto agognati dovrebbero arrivare. Mazzarri dovrà riuscire a trovare anche il sistema di gioco più congeniale tenendo però sempre come perno della manovra il Gallo Belotti. Se di 3-5-2 si tratta, perché il tecnico toscano non si fida ancora ad utitlizzare il 3-4-3, bisogna trovare la spalla ideale per il capitano granata, e che potrebbe essere identificata in Zaza ritrovatosi quest’anno dopo una stagione con più ombre che luci nella scorsa.

Mancini sul Gallo: “Belotti titolare contro la Bosnia”

L’Italia del ct Mancini scenderà in campo contro la Bosnia e poi contro l’Armenia per le ultime due gare di qualificazione ad Euro 2020. Gli azzurri sono già qualificati, ma vogliono chiudere senza sconfitte o pareggi a punteggio pieno. Mancini si affiderà a Belotti per la sfida alla Bosnia: “Contro la Bosnia è più probabile che giochi Belotti. Per il resto abbiamo due dubbi: l’esterno basso a destra e un centrocampista, ma decidiamo domattina dopo l’allenamento”. Contro la Bosnia di Prosinecki gli azzurri vogliono prolungare la striscia positiva di vittorie arrivata a quota otto: un record che non si vedeva dal 1938, ai tempi di Vittorio Pozzo. In vista degli impegni di questa sera a Zenica e di lunedì a Palermo contro l’Armenia, che chiuderanno il percorso che porta alla fase a gironi di Euro2020. Belotti sarà impegnata contro la squadra di Dzeko e Pjanic mentre Immobile, il contendente in attacco, sarà impiegato lunedì.

Belotti poco assistito da Zaza, Falque o Verdi, e i gol latitano

Con Belotti, Falque, Zaza e Verdi si potrebbe pensare ad un gioco con due punte centrali (Belotti e Zaza) e due esterni (Falque e Verdi); ma la squadra con questa soluzione è eccessivamente sbilanciata in avanti ma con il centrocampo senza un vero e proprio trascinatore e una difesa arruginita non è possibile adottare tale sistema. A tutto questo si aggiunge Falque che è infortunato, e Zaza che – nonostante il miglioramento rispetto alla scorsa stagione – non ha mai veramente ingranato al fianco di Belotti. Verdi ha reso finora sotto le aspettative, per cui l’unico sul quale il Torino può veramente contare in attacco è Belotti. Il Torino fatica a costruire azioni da gol – eccezion fatta per il 4-0 al Brescia ultimo in classifica – ma in relazione alla stagione scorsa i granata non hanno avuto quel tracollo di risultati che si può pensare: infatti i gol fatti rispetto ad un anno fa sono soltanto uno in meno e i punti in meno sono solo 3.

2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
rotor
rotor
8 mesi fa

Belotti e Sirigu le uniche soddisfazioni di questo campionato orribile.

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
8 mesi fa

felice per il Gallo. e felice perchè vero e grande ambasciatore del Toro nel mondo!