Il marocchino ha più volte ribadito la volontà di restare, ma c’è l’interesse di altri club. In più il passaggio da Juric a Vanoli, che può portare a variazioni

Un grande impatto, per poi proseguire la sua metà stagione in granata offrendo prestazioni considerevoli per costanza e affidabilità. Adam Masina ha fin da subito ottenuto il consenso della piazza granata, come di Ivan Juric, che più volte a parole si è sentito in dovere di sottolineare la velocità nell’inserimento in gruppo e la professionalità dell’ex Watford. La qualità del suo passaggio al Torino non era infatti per nulla scontata. Dai bassifondi di una rosa in lotta per la salvezza come l’Udinese a divenire un giocatore utile alle aspirazioni una squadra di metà classifica con mire europee, sapendosi anche reinventare in un nuovo ruolo. Da esterno mozzato dai recenti infortuni che avevano compromesso la sua esperienza in Friuli, si è dimostrato particolarmente duttile nel reinventarsi difensore di sinistra della difesa a tre, costringendo spesso Ricardo Rodriguez a piazzarsi sulla linea di centrocampo.

L’importanza di Juric

Per Ivan Juric, Masina fin dal suo arrivo è stato dunque un giocatore imprescindibile. Ha sempre giocato, eccetto la gara interna col Frosinone, l’unica osservata interamente dalla panchina. Per il resto si è preso le sue soddisfazioni, riuscendo a tornare un giocatore importante all’interno di un gruppo. “Io ero convinto del mio prodotto anche quando ero a Udine, anche se le cose sono andate i maniera diversa”, aveva detto il marocchino, che a Torino ha ritrovato stimoli e centralità. Per questo fin da subito il suo riscatto è sembrato una pura formalità “come decidere di radersi i capelli, di eliminare il caffè e le sigarette, di farla finita con qualcuno”, direbbero i CCCP. Il Torino ha, dal suo canto, ha in effetti appena chiuso un rapporto triennale, una storia d’amore con i suoi alti e bassi con il proprio allenatore. Juric per Masina ha assunto un ruolo importante, un punto di riferimento nella sua riabilitazione a titolare in Serie A. “Sono molto contento e ringrazio il mister per la fiducia e per quanto mi ha fatto giocare”, aveva detto Masina post Bergamo, in un bilancio di una mezza stagione positiva che sa anche di riconoscenza verso chi in lui ha creduto, quando lo scetticismo era all’ordine del giorno. Ora che il croato non farà più visita al Filadelfia non tutto è in ballo, ma quasi.

Masina, occhio a non farselo scappare

Masina ha fatto bene da braccetto e bisognerà capire dunque le intenzioni della società in merito alla nuovo guida tecnica. Se la nomina di Paolo Vanoli è soltanto questione di ore, bisognerà capire anche il tipo di scacchiere che vorrà disporre in campo l’ex tecnico dello Spartak e collaboratore di Antonio Conte. La difesa a tre sarebbe l’ideale per Masina, sempre pulito e in grado di offrire prestazioni convincenti nel lungo periodo. Fondamentale, in una difesa che perderà un titolare come Rodriguez e probabilmente pezzi pregiati, oltre ai prestiti. Se, come si apprende dal sentore degli ultimi giorni, Vanoli deciderà invece di optare per una difesa a quattro, su Masina si potrebbe già a iniziare a storcere il naso con qualche dubbio sulla tenuta fisica nell’affrontare una stagione intera da esterno. Tutte ipotesi finora: il ragazzo va prima riscattato e non è per nulla scontato che ciò accada. Nelle ultime ore c’è chi, tra Serie A e B, vorrebbe approfittare della stasi in casa granata per tentare di affondare il colpo. Il Toro dunque dovrà difendersi al meglio, come ha fatto in quest’ultimi mesi Masina, per non farsi anticipare e accaparrarsi il prima possibile una delle note più liete dell’intera annata.

Adam Masina of Torino FC in action during the Serie A football match between Torino FC and ACF Fiorentina.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 09-06-2024


7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Dhrama
Dhrama
6 giorni fa

Serve solo in una difesa a 3, chiediamo al mister quale sarà il modulo. Mister? Mister? Mistero….

James 75
James 75
6 giorni fa

Come panchinaro va benissimo,ma il Torino si deve muovere a fare che? caz#o dal 1 giugno al 30 giugno,in un mese non riesci fare un bonifico di un milione? a già con Vanoli sono già 2 milioni, spese grosse, e poi qualcuno pretende anche gli acquisti per fare il salto… Leggi il resto »

Last edited 6 giorni fa by James 75
vecchiamaniera
5 giorni fa
Reply to  James 75

Un bonifico da un milione x tdc è una mazzata.Cerchera’ sconti,dilazioni,..come sempre,si tratti di giocatori o altro, se c’è da cacciare grano la gran tdc mercanteggia come un barbone as usual)

direibene18
6 giorni fa

Se è riuscito a giocare nella rosa di quest’anno lo può fare anche in quella del prossimo, il valore sarà più o meno uguale, max 55 punti.

Il pagellone / Ilic tra le incognite, non ha mostrato il vero potenziale

Toro, il valore della rosa cresce di €76.5 mln