Torna ad alti livelli e il Torino non prende più gol: Nkoulou è imprescindibile con Nicola, che lo ha reintegrato nonostante il contratto in scadenza

Nelle ultime tre partite, Nicolas Nkoulou è rimasto in campo per tutti e duecentosettanta i minuti (più recupero). Ne ha sbagliati solo quarantacinque, a Bergamo contro l’Atalanta, e in quel primo tempo il Torino ha subito tre gol. Dalla seconda frazione del “Gewiss Stadium” è stato perfetto, e Sirigu non ha più incassato neanche una rete. Non è una coincidenza. Perché il 33 è tornato ai suoi migliori livelli: tradotto, il Torino ha, al centro della difesa, un muro quasi impenetrabile. Anche a Cagliari, come già col Genoa, non ha commesso sbavature. Anzi, è risultato decisivo in più di una circostanza, lasciando le briciole a Simeone e soci.

Il ruolo di Nicola, che lo ha rimesso al centro del Toro

Era dalla passata stagione che il Toro non riusciva a mantenere la porta inviolata per due partite. A gennaio, tra Roma e Bologna, i granata allora di Mazzarri non presero gol. Da lì in poi, la solidità difensiva è diventata un ricordo. Anche a causa del calo evidente di Nkoulou. Nicola lo ha recuperato dopo mesi difficili (qui abbiamo analizzato il caso nel dettaglio), rimettendolo al centro del pacchetto arretrato. E i granata ne hanno solo guadagnato.

Le parole di Nkoulou dopo Cagliari-Torino

“Abbiamo interpretato bene quello che voleva il mister”, ha dichiarato l’ex Lione dopo la vittoria in Sardegna, “stiamo giocando con il cuore. Cosa è cambiato con l’arrivo di Nicola? Abbiamo preso coscienza che eravamo in una situazione molto difficile. Siamo compagni, lavoriamo insieme, soffriamo insieme per salvarci”. Il futuro, per ora, lo ha messo da parte. Certo, per il Toro sarà una beffa perderlo a zero, come sembra probabile alla luce dello stallo nella trattativa per il rinnovo di contratto, in scadenza nel giugno 2021. Questo Nkoulou è una certezza.

Nicolas NKoulou
Nicolas NKoulou
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 21-02-2021


29 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
tric
tric (@tarcisio-ricca)
9 mesi fa

Di imperdonabili ci sono ben altre cose. Nicolas è anche intelligente, basta sentire come parla italiano e la calma con cui argomenta nelle interviste. Al posto della dirigenza mi darei da fare per confermarlo.

fringomax
fringomax (@fringomax)
9 mesi fa
Reply to  tric

Beh, all’epoca (Wolverhampton) nei confronti dei tanto stimati compagni non mi sembra sia stato così solidale, benché il guaio l’avesse fatto la società. Concordo sul fatto che sembri una persona molto intelligente, per questo il rammarico è maggiore.

leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
leonardo (Cairo,le scuse sono finite) (@poppi1)
9 mesi fa

Non si è comportato bene,né dentro al campo né fuori,avrà avuto i suoi motivi,detto questo,resta uno dei migliori centrali quando vuole,tecnica e lettura del gioco,pochissimi falli e anticipi secchi…da’ sicurezza a tutta la difesa..sarà un vero peccato perderlo.

fringomax
fringomax (@fringomax)
9 mesi fa

sotto il profilo calcistico nulla da dire, se ha la spiana attaccata, è il migliore di tutti in assoluto, umanamente è imperdonabile e se ne andrà a fine stagione, con buona pace di tutti e con il danno che la società ne subirà (ma anche questo ben gli sta a… Leggi il resto »

forzapupi
forzapupi (@forzapupi)
9 mesi fa
Reply to  fringomax

non fa una piega!

Il gol di Bremer? Merito di… Rossano Berti: ecco l’uomo dei calci piazzati

Nicola, partenza da imbattuto: ora può fare meglio di Mazzarri