Imbattuto dopo cinque partite come Mazzarri e Scoglio: Davide Nicola, per ora, non è stato sconfitto sulla panchina del Torino

Cinque partite, nessuna sconfitta. Non è record, ma poco ci manca. Davide Nicola, vincendo a Cagliari, ha confermato come la sua cura abbia fatto bene al Torino. E si è anche preso una bella soddisfazione. Solo due allenatori, nell’era dei tre punti erano infatti riusciti a infilare una simile striscia positiva all’esordio sulla panchina granata. L’ultimo fu Walter Mazzarri che, subentrato a Mihajlovic, vinse tre partite su tre in casa (Bologna, Benevento e Udinese) e ne pareggiò due in trasferta (Sassuolo e Sampdoria) prima di perdere il derby.

Come Mazzarri e Scoglio. E contro il Sassuolo…

L’altro fu invece Franco Scoglio. Il Professore fu il sostituto di Nedo Sonetti, esonerato ad inizio dicembre del 1995, dopo la clamorosa sconfitta nella stracittadina per 5-0, e mise in fila una vittoria e quattro pareggi. Esattamente come il tecnico di Vigone. Per Scoglio, l’avvio fu un fuoco di paglia. A marzo, infatti, il presidente Calleri lo sollevò dall’incarico puntando su Lido Vieri, allora preparatore dei portieri. Nicola si augura certamente un epilogo diverso. Magari partendo dal sesto risultato utile consecutivo, venerdì prossimo contro il Sassuolo.

Nicola
Davide Nicola, head coach of Torino FC, reacts during the Serie A football match between Torino FC and Genoa CFC.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 21-02-2021


3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Sergio (Plasticone69)
Sergio (Plasticone69) (@plasticone69)
9 mesi fa

l’unico record di testa di ghisa che Nicola può battere è schierare 6 centrali… o sette ?

fringomax
fringomax (@fringomax)
9 mesi fa

con il Sassuolo se fa una partita accorta, cosa che oramai mi sembra di default, e con un pò di sano c…, non è detto che non si possa vincere

forzapupi
forzapupi (@forzapupi)
9 mesi fa

forza davide!

Nkoulou è di nuovo il muro del Toro: l’addio a zero sarebbe una beffa

Bremer, lo specialista dei gol pesanti: per il Toro è sempre più decisivo