Il pagellone dell’attaccante del Torino Pietro Pellegri: più spazio rispetto alla scorsa annata, ma il suo bottino è misero

La stagione 2023-2024 corrisponde per Pietro Pellegri alla seconda interamente vissuta da giocatore del Torino. L’ex enfant prodige era giunto sotto la Mole a gennaio 2021 dopo una sfortunata parentesi al Milan, per poi far parte della rosa granata appunto nelle due annate successive. I numeri nel caso di Pellegri sono eloquenti nel raccontare il suo percorso da attaccante del Torino e sono tutt’altro che soddisfacenti, soprattutto di fronte a un investimento a carico della società di circa 5 milioni di euro. In 55 presenze soltanto 6 gol: 4 in campionato, 2 in Coppa Italia. Troppo poco per le sue potenzialità, troppo poco per togliersi di dosso la macchia dell’eterna promessa, che dopo quest’ultima stagione rischia di appiccicarsi al classe 2001 senza possibilità di replica, almeno per quanto riguarda il suo percorso in granata, probabilmente arrivato ai titoli di coda.

Pellegri, più presenze nell’ultima stagione

Pietro Pellegri fin dai suoi primi affacci al professionismo viene associato spesso all’infermeria. Un giocatore fragile, su cui non si può fare pienamente affidamento nell’arco di una lunga stagione. Fatti che si trasformano spesso nella più cinica diceria se non in taglienti meme. Non è facile dunque convivere con questo tipo di pressione, che ha condizionato Pellegri dal suo passaggio al Monaco fino ad oggi in cui ha rappresentato la prima alternativa a Zapata e Sanabria, spesso riuscendo ad avere la meglio del compagno paraguaiano nelle scelte di Juric.
A dire il vero quest’anno Pellegri ha avuto meno a che fare con gli infortuni. Se la sua stagione 2022-2023 si era conclusa con 18 presenze, di cui soltanto 4 nell’undici iniziale, quest’anno l’attaccante nato a Genova ha ottenuto maggiore spazio. 24 gettoni di cui 7 dal primo minuto. Titolare contro Inter, Lecce e Fiorentina all’andata, nel mezzo gare da subentrato in cui non è riuscito a incidere e 6 uscite in cui è stato dichiarato indisponibile per problemi fisici. Un andazzo invertitosi soltanto dalle due gare di ritorno da titolare con Lecce e Napoli e nella mini svolta sul finale cominciata a Verona.

L’unico acuto al Bentegodi

Al Bentegodi, Pietro Pellegri subentra a Duvan Zapata al 51′ in un’altra partita poco ispirata in fase offensiva dei granata. Savva pareggia il gol del vantaggio scaligero con Swiderski, finché al 93′ Pellegri, servito da Lazaro in area di rigore, fa partire un destro che prima si scontra col palo più lontano per poi sbattere sull’altro legno e infine depositarsi in rete. Unico highlight degno di nota della stagione di Pellegri, che non trovava il gol addirittura dal 3 maggio 2023, quello alla Sampdoria con annessa esultanza provocatoria. Ci è quasi voluto un anno per rivederlo di nuovo esultare e nonostante le opportunità da titolare con Milan e Atalanta, anche ben interpretate in termini di sacrificio e abnegazione, resta l’unico timbro. Ancora da capire se l’ultimo da giocatore del Torino. Il suo contratto scade il prossimo anno e la stagione appena conclusa non offre grandi chance di permanenza. “Secondo me ha le capacità per diventare un ottimo attaccante, ma deve trovare stabilità in tutti i sensi”, aveva detto Juric su di lui e come per il tecnico la sua ricerca proseguirà con ogni probabilità altrove.

PRESENZE TOTALI: 26
GOL: 1
ASSIST: 1
VOTO: 5

Pietro Pellegri of Torino FC looks dejected during the Serie A football match between Torino FC and SS Lazio.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 13-06-2024


7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
carlettocrippa
carlettocrippa
1 mese fa

Come utilità per noi mi ricorda Amauri quindi se si trova un compratore stendiamogli il red carpet . Perchè non offrirlo al Venezia al posto del famosissimo milioncino ?

Troposfera Granata
1 mese fa

Ora che è “decollato” possiamo venderlo rientrando di quanto sperperato in questi anni, non è così?!

James 75
1 mese fa

Swarovski vai fuori dal caz.. zo insieme a papà, neanche nella lega Pro del Ciad faresti la differenza, essere inutile,arrogante

Yoshimitsu77
1 mese fa
Reply to  James 75

Ciao amico mio! tutto bene? speriamo di levarceli entrambi dal ca.zzo…ci sarà da fare una grandissima epurazione di seghe e mezze seghe questa estate…sarà in grado di farlo il ds nel nulla?

James 75
1 mese fa
Reply to  Yoshimitsu77

No, perché dovrebbe tenere solo Shuurs.. Vlasic.. Zapata..Bellanova.. e forse Ricci e Ilic, Buongiorno penso sarà venduto al 99%,più in panchina Masina..Tameze.. Horvath… Gineitis… quindi tra pippe…mediocri… sopravalutati, sono almeno in 16 a dover togliersi dal caz… zo, qualcuno un po’ di mercato lo ha, qualcuno manco se lo regali… Leggi il resto »

Ds Venezia: “Vanoli? Si chiude in settimana”

Bellanova, assist e cross: nessuno come lui in Serie A