Più Chiesa che Barreca: il duello tra promesse se lo aggiudica il viola

Più Chiesa che Barreca: il duello tra promesse se lo aggiudica il viola

di Francesco Vittonetto - 28 Febbraio 2017

L’esterno della Fiorentina è tra i migliori dei suoi e mette spesso in difficoltà i granata; per il 23 del Toro prova opaca in offesa e disattenta dietro

Quella tra Federico Chiesa e Antonio Barreca, il duello che vi avevamo proposto su queste colonne alla vigilia di Fiorentina-Torino, è stata sfida vera sul rettangolo verde del “Franchi”. I due brillanti prospetti del calcio nostrano si sono spesso affrontati direttamente nel corso dei 90’, dando vita ad un’interessante faccia a faccia sulla corsia mancina granata. A prevalere in maniera piuttosto netta è stato il classe ‘97 dell’undici di Paulo Sousa. Corsa, facilità nel dribbling rapido, un piede vellutato e tanta grinta, con queste armi il numero 25 ha messo spesso in ambasce la retroguardia granata.

Nel primo tempo dominato dai Viola, il figlio d’arte è tra i migliori dei suoi: prima dà vita all’azione dell’1-0 gigliato, attirando su di sé i difensori avversari e servendo a Borja Valero la sfera che, respinta da Hart, terminerà in rete dopo il tap-in di Saponara; poi imperversa su tutto il fronte d’attacco, mettendo per ben due volte Tello davanti al guardiapali granata e servendo a Kalinic, con una pregevole trivela, un pallone d’oro, mal sfruttato dall’attaccante. Con il crescere del Toro, nella ripresa, si adegua ai mutati ritmi della sua squadra, e pecca un po’ nell’efficacia difensiva; si riaccende, poi, nell’abbozzato forcing finale.

Barreca soffre. Tanto le scorribande del suo diretto avversario, quanto le rare sovrapposizioni di Salcedo. Nel primo tempo, la retroguardia granata vacilla costantemente sugli attacchi avversari e il terzino va spesso in confusione. Esemplificativa è l’azione del vantaggio viola, quando perde il confronto con Chiesa, facendosi bruciare in velocità. E’ ancora lui a farsi sovrastare di testa da Kalinic in occasione del raddoppio. Nel secondo tempo prova timidamente a farsi vedere in avanti, anche con discreto successo. I tentativi, però, sono sporadici e portati avanti con minore personalità rispetto a quella mostrata per larghi tratti del campionato.

Palma del vincitore a Chiesa, dunque. Per Barreca una giornata sottotono, ma che non macchia la stagione da protagonista vissuta fin qui. I margini di miglioramento sono evidenti e le occasioni per passare da sorprendente promessa a inossidabile certezza non mancheranno di certo.

7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
FOLAGRA
banbanbigelow
3 anni fa

E invece avete visto il nostro grintoso Capitan Benassi in una ripartenza loro in cui ha fatto (si fa per dire) a sportellate con Chiesa? Benassi è subito caduto pancia a terra come una vecchietta quando le scippano la borsa. Per fortuna poi non ci hanno segnato. Sinisa ha detto… Leggi il resto »

AmmaMi71
AmmaMi71
3 anni fa

Un bello scambio Liajic-Chiesa No?…
Ah già che i Fiorentini non lo possono più vedere il Serbo…

Gianni (Granata59)
Granata59
3 anni fa

Chiesa è veramente forte. Peccato che la plusvalenza la farà la Viola!