Il presidente Cairo ha inaugurato insieme al Sindaco il campo 3. Lavori in corso durante la sgambata dei piccoli granata

Una giornata particolare in una giornata del 4 maggio che da 75 anni va sempre oltre i canoni più razionali. Difficile da spiegare a chi non è di Torino cosa frulli nella mente, cosa si insinui sulla pelle di un tifoso di fronte al ricordo di quella squadra che solo Superga ha reso battibile, ma che sopravvive all’unica narrazione che probabilmente unisce il popolo granata in tutti i suoi strati. Spesso è la giornata giusta anche per chiudere un occhio. Il 4 maggio il posizionamento in classifica non conta. Conta la partecipazione, conta sentirsi dentro quell’unica famiglia. Sì, è anche una giornata che sfocia spesso in una mielosa retorica. E questo 4 maggio, oltre alla commemorazione per il Grande Torino e le polemiche, oltre che le arrabbiature, per gli insulti di alcuni giocatori rimasti anonimi, è ricordato anche per l’inaugurazione del Robaldo. A dire il vero solo del campo 3 di quello che dovrà diventare il quartier generale del settore giovanile.

Lo Russo: “Tra un anno sarà completato”

In una mattinata dal cielo limpido, che ha accolto giornalisti, genitori e Pulcini delle giovanili e qualche immancabile curioso, il campo 3 è stato tirato a lucido. I bambini a bordo campo in trepidazione non vedono l’ora di dare qualche sgambata, ma non saranno loro i primi ad aver a che fare col pallone. Curioso sapere dove si fossero cambiati, dove abbiano indossato quel granata che probabilmente è entrato nella loro pelle, anche se è più credibile ritenere che normalmente vestano in borghese. Gli spogliatoi attualmente sono ancora un non luogo, non ci sono ancora. Verranno costruiti. Ma quando? “L’obiettivo era quello di oggi di giocare la prima partita. I campi verranno completati entro il 30 di giugno. Questo è il nostro programma, lo stiamo perfettamente rispettando. Entro il 4 maggio del 2025 il centro sarà completato e potremmo essere qui tra un anno ad inaugurare tutti i campi e il fabbricato spogliatoi” ha affermato il sindaco Stefano Lo Russo.

Robaldo, dove Cairo ha scaricato Juric

Nuovo invito dunque tra poco meno di un anno per assistere a un centro sportivo fatto e finito. Restando sull’oggi, su un 4 maggio dall’alta carica mediatica, non poteva mancare il protagonista indiscusso della 24h granata a tinte un po’ rosa. E’ stato il presidente del Torino, Urbano Cairo, a toccare il primo pallone con un destro rasoterra. Sullo sfondo il muro di bambini in completo granata. In primo piano con Cairo sempre il sindaco Lo Russo, col fischietto in bocca. Tocca al presidente granata dare il calcio d’inizio. Chissà se per un attimo si sarà sentito nuovamente indossare i panni di calciatore, come in gioventù quando era una promessa della Pro Sesto. Ma è, nelle battute precedenti, fuori dal terreno appena impacchettato che Cairo tocca non un oggetto sferico ma argomenti piuttosto scottanti. Non l’ha di certo toccata piano. Il presidente ha praticamente scelto la data della grande unione del mondo granata per scaricare Juric. “I contratti a un certo punto finiscono”, ha detto Cairo. Non è un discorso che vale per tutti. Certi contratti si fanno scadere, altri si rinnovano, come quello di Vagnati, poco amato dalla piazza ma evidentemente caposaldo per Cairo del Toro degli anni a venire: “E’ il nostro direttore sportivo e rinnoverà il contratto con noi”.

Cairo e il settore giovanile

Urbano Cairo non si è espresso soltanto sulle vicende della prima squadra. Con la cornice del Robaldo ci ha tenuto a sottolineare la parola data poi mantenuta: “La cosa bella è che quello che avevamo promesso il 15 dicembre, cioè di arrivare al 4 di maggio e avere un campo sul quale poter giocare è una promessa mantenuta e questo mi fa molto piacere”. Un primo passo per il presidente per certificare e dare ulteriori motivi di crescita all’intero lavoro con i giovani: “Il settore giovanile è sempre stato molto importante. Lo era moltissimo negli anni ’80-’90 e ha prodotto campioni notevoli – ha detto Cairo, che continua – “Anche noi siamo tornati ad avere un settore giovanile che ha dato buoni risultati, che ha vinto un campionato, una Coppa Italia e due Supercoppe. Poi ha prodotto tanti giovani giocatori e Buongiorno ne è un po’ l’emblema”. Sembrava un po’ in difficoltà il presidente granata poi a una domanda fatta da un giornalista su gli ottimi risultati dell’Under 15, 16, 17, capaci tutte e tre le formazioni di strappare il pass playoff “Beh… siamo contenti” – per poi cogliere la palla al balzo – “E’ la conferma che stiamo investendo nel settore giovanile. Ludergnani sta facendo bene. Sta costruendo le squadre dal basso. Quindi con un’attenzione a tutte le squadre dall’Under 15 alla Primavera”.

Lavori in corso sullo sfondo

Tutta la dirigenza al completo per questo grande evento inaugurale della giornata del 4 maggio e del futuro del Torino. Il presidente Urbano Cairo dopo il calcio che ha aperto le danze alle partitelle dei piccoli granata, ha navigato per il campo tra la soddisfazione di qualche richiesta fotografica e appunto qualche chiacchera con i quadri dirigenziali. Prima di lasciare il Robaldo per dirigersi al Cimitero Monumentale, Cairo si è intrattenuto in un lungo colloquio con Emiliano Moretti e Ruggero Ludergnani. Lo sfondo di questa chiacchierata era color terra e mostrava a distanza le ruspe in azione. Lavori in corso per gli altri campi del Robaldo, come per l’intero Torino. Vedremo dunque se per il futuro invece sarà un Torino diverso. Se il Robaldo sarà effettivamente un punto di partenza per ricongiungersi con gli ideali del Toro che fu, quello della stretta simbiosi tra prima squadra, granata in divenire e tifosi.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 09-05-2024


21 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
vecchiamaniera
10 giorni fa

Di già? Sono commosso,daje tdc,Torino ti ama 💩

Scimmionelli
10 giorni fa

In realta’ quello che crea tanto mal di stomaco agli zerotreini e’ il progresso che c’e’ stato al Robaldo che cozza contro la loro pulsione ossessivo-compulsiva di gettare letame, su istigazione dei loro agitprop, contro qualunque cosa riguardi il Toro. Quindi… vai con la disinformazione! Se uno si fosse limitato… Leggi il resto »

Robaldo2
Scimmionelli
10 giorni fa

Robaldo abbandonato in mezzo alle erbacce? Non va bene ed e’ colpa di Cairo!
Al Robaldo fervono i lavori e ne viene inaugurato un pezzo? Non va bene ed e’ colpa di Cairo!

Torino, la squadra chiede scusa ai tifosi: “Ci sentiamo tutti responsabili”

“Valutazioni sbagliate a inizio anno”: anche Ilic è tra chi ha deluso di più