Roma-Torino, tanti affari insieme e non è ancora finita

Roma-Torino, grandi affari: e a giugno…

di Marco Sangiorgio - 15 Febbraio 2017

Toro e Roma hanno chiuso molte trattative di mercato, da Peres a Iturbe, passando per Falque, Ljajic e Castan: a giugno tocca a Baselli e Skorupski?

Domenica alle 18 all’Olimpico di Roma si giocherà Roma-Torino. I giallorossi vogliono continuare la loro rincorsa alla Juventus, i granata cercano un risultato prestigioso per dare nuovo morale all’ambiente. All’andata vinsero i granata, in quella che rimane una delle partite più spettacolari del campionato della squadra di Mihajlovic. Le partite più importanti tra Roma e Torino si sono, però, giocate sul mercato, e potrebbero essere definite partite “amichevoli”.

Le due società in estate hanno dato vita a numerose trattative, proseguite anche nella sessione invernale con il prestito di Iturbe e l’acquisto a titolo definitivo di Iago Falque. Il tutto è iniziato con l’onerosa cessione di Bruno Peres in giallorosso. Il brasiliano è subito diventato un titolare nell’undici di Spalletti, inizialmente sulla fascia sinistra, poi su quella destra dopo l’infortunio di Florenzi. La trattativa più complessa è stata tuttavia quella che ha portato Iago Falque e Ljajic in granata, due rinforzi di qualità richiesti espressamente dal Sinisa Mihajlovic. Per lo spagnolo le difficoltà sono state nel trovare l’accordo, per il serbo non è stato facile vincere la concorrenza. In entrambi i casi, i buoni rapporti tra le società hanno aiutato il buon esito degli affari. Agli attaccanti, in estate, si è aggiunto anche un difensore ex Roma, Leandro Castan. Il brasiliano è arrivato a Torino, in prestito dalla società capitolina, dopo la breve parentesi alla Sampdoria. Un’altra operazione andata  velocemente a buon fine.

Gli affari tra Roma e Torino sono proseguiti anche in inverno. I granata hanno infatti deciso di provare a rilanciare Iturbe, finito ai margini della rosa giallorossa. In cambio è arrivato il riscatto dell’intero cartellino di Iago Falque. Un’altra operazione che ha reso felici entrambe le parti. Negli ultimi giorni si è parlato anche di Daniele Baselli, ma in questo caso non ci sono stati i tempi e le opportunità per chiudere una trattativa complessa. A fine stagione gli uomini mercato delle due società potrebbe però tornare a parlare del centrocampista, così come di Lukasz Skorupski, il candidato numero uno alla sostituzione di Hart nel caso l’inglese non dovesse essere riscattato. Quel che è certo è che quella tra Roma e Torino è ormai una vera e propria alleanza di mercato. Il futuro ci dirà se sarà ancora produttiva. Adesso, però, c’è la sfida sul campo. Undici contro undici con un solo obiettivo: segnare più gol dell’avversario.

7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Stoner
Stoner
3 anni fa

C’è la nebbia a torino

io
io
3 anni fa

il sostituto di Hart lo abbiamo gia’ : il ”Donnarumma serbo” !! Scordatevi di Skorupski perché costa troppo : urbanetto non spenderebbe mai altri 8 ml.ni abbondanti dopo aver speso 2,5ml,ni per il ‘gigante’ !!

maxthevoice
maxthevoice
3 anni fa
Reply to  io

La Roma ce ne deve sei per Bruno. Erano 12,5 ma vanno sottratti i 6 del riscatto di Iago.

Alessandro (Ale67)
Ale67
3 anni fa
Reply to  maxthevoice

Guarda che i 6 x Jago sono già stati pagati, quindi la Roma ne deve tirare fuori 12.5

maxthevoice
maxthevoice
3 anni fa

A Giugno impacchettiamo il paraguayo depresso e mentalmente instabile e glielo riconsegnamo a Pallotta, nel frangente incassiamo i sei milioni rimasti dalla vendita di Bruno Peres e si tratta per Skorupski, che ho visto contro l’Inter ed è proprio bravo.

marjanovic (presi dente cariato)
marjanovic (presi dente cariato)
3 anni fa
Reply to  maxthevoice

prendere skorupski a 6-8 milioni dopo aver speso 4,2 x il serbo sarebbe geniale: 10-12 milioni x due portieri.
Poi magari saremo senza centravanti che belotti andrà via.
Ma da petraus mi aspetto di tutto….