Sassuolo-Torino 20-21, numeri e statistiche del match al Mapei Stadium

Miglior inizio di stagione per il Sassuolo contro il peggiore per il Toro: i numeri

di Veronica Guariso - 23 Ottobre 2020

I numeri di Sassuolo-Torino / I granata vantano un maggior numero di vittorie al Mapei Stadium. Già 3 poker consecutivi per i neroverdi

Sassuolo-Torino aprirà la quinta giornata di campionato. A confronto due club dall’andamento diametralmente opposto. Il Sassuolo di De Zerbi è infatti tra i club che sono partiti meglio in questo inizio di stagione con 3 vittorie ed un pareggio in attivo che gli valgono la seconda posizione. Decisamente diversa è invece la situazione del Torino: i granata, che hanno una partita in meno alle spalle, sono segregati all’ultimo posto in solitaria, a quota zero punti. Analizziamo ora i numeri riguardanti i due club, uno in cerca di continuità e l’altro in cerca dei primi punti stagionali, nel dettaglio.

I numeri del Torino

Se il Torino nelle 14 sfide precedenti è riuscito ad aggiudicarsi la maggioranza delle vittorie, con 6 a favore, non bisogna dimenticare che la panchina era sotto la guida di altri tecnici e che l’ultimo precedente ha sorriso ai neroverdi. Il 18 gennaio 2020 è il giorno a cui risale l’ultima sfida al Mapei Stadium, dove gli emiliani sono riusciti ad avere la meglio per 2-1. Il Toro deve inoltre ancora trovare un’identità dopo la rivoluzione avvenuta in estate. Giampaolo non è infatti ancora riuscito a dare un’impronta definita al gioco del club granata, che continua a brancolare nel buio. Era dalla stagione 2002-2003 che il Toro non raccoglieva 3 sconfitte consecutive nelle prime 3 giornate di campionato, anno in cui venne retrocesso in Serie B. Ha poi eguagliato il record negativo di reti subite nelle prime giornate, con 8 reti incassate, le stesse del campionato 1940-1941.

C’è però un barlume di speranza per il Toro che si chiama Andrea Belotti. Il Gallo ha avuto un inizio col botto nonostnate l’andamento negativo del resto della squadra e da buon capitano, tenterà nuovamente di trascinare i suoi verso la prima vittoria stagionale. Ha infatti realizzato due doppiette che gli hanno permesso di eguagliare l’inizio di stagione del campionato 2016-2017, il migliore della sua carriera. Il Sassuolo resta poi la sua vittima preferita: sono 8 le reti realizzate in 11 match.

Le statistiche del Sassuolo

Se il Toro deve scrollarsi di dosso la pressione e la negatività, il momento del Sassuolo non potrebbe essere più positivo. É il terzo anno con De Zerbi alla guida della panchina per gli emiliani, che sono partiti col botto. Questa può infatti considerarsi come la miglior partenza in Serie A ottenuta fino ad ora: i 10 punti guadagnati li vedono secondi solo al Milan, a quota 12. Tra i dati più rilevanti c’è il numero di reti segnate in queste prime quattro giornate: sono infatti ben 13 i gol in attivo dei neroverdi che valgono loro il titolo di squadra emiliana con la miglior partenza nella massima serie, al pari del Bologna nella stagione 1930-1931. Il Sassuolo ha inoltre infilato 3 poker consecutivi in questo inizio di campionato, cosa accaduta solamente all’Inter nel 1930, alla Juventus nel 1950 e al Torino nel 1947. Tenendo presenti le sfide precedenti contori granata, per i neroverdi il Toro è la squadra contro cui hanno pareggiato di più in casa (5 sfide su 7 sono terminate in parità).

L’astro nascente della rosa di De Zerbi resta Francesco Caputo, dal rendimento positivo già nella scorsa stagione. L’attaccante neroverde è infatti il giocatore che ha partecipato alla reaizzazione di più gol, con 4 reti segnate, come Belotti, e 2 assist in attivo, al pari del Papu Gomez.

Andrea Belotti of Torino FC competes for the ball with Marlon of US Sassuolo during the Serie A football match between Torino FC and US Sassuolo.


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Luca@iltorosonoanchio (ex granatapersempre)
Luca@iltorosonoanchio (ex granatapersempre)
1 mese fa

Volente o nolente, che sia regista che sia trequartista ci mancano gli uomini che verticalizzano che sono quelli che rendono efficace il gioco di GP: e purtroppo quella è una qualità che si ha o meno, difficilmente si impara… l’adattamento può avere solo risultati scarni e parziali… non capisco perchè… Leggi il resto »