L’ala senegalese si racconta a Torino Channel, tra voglia di migliorarsi e l’ottimo rapporto che lo lega a Ivan Juric

Demba Seck si presenta molto sorridente alle telecamere di Torino Channel. La prima domanda che gli viene posta è sul ritiro e non nasconde la fatica di una fase fondamentale per l’intero arco della stagione “Siamo molto stanchi. Abbiamo lavorato tanto, però è un lavoro che ci serve per il campionato”. Lavoro, un termine che Seck rispolvera in più occasioni e che si lega moltissimo al rapporto con il tecnico granata Ivan Juric, che fin dal primo giorno lo ha sempre spronato a migliorarsi. “Come dice il mister: “Nella vita bisogna lavorare, lavorare e lavorare. Anche Sasa (Lukic) ogni giorno mi dice questo “Tu Demba hai talento ma mi devi seguire e devi lavorare”. Nell’intervista ha avuto modo di ritornare sul gol in amichevole col Trabzonspor “Sono molto contento (della rete), infatti la prima partita che ho giocato in amichevole il mister mi diceva “Tranquillo, non devi giocare sempre per segnare. Il tuo gol arriverà”. La volta dopo ho segnato”.

Seck: “Voglio fare grandi cose per i tifosi”

Un gol, il primo da calciatore del Torino, frutto degli insegnamenti del tecnico: “Il mister ci chiede sempre di andare in pressione. Quando ho visto che il giocatore era girato e poteva andare solo lì, sono andato, gli ho rubato palla e ho detto “Vado a segnare, basta”. A Juric deve tantissimo e infatti dedica parole al miele “Lui è come un padre per me. Mi vuole molto bene e mi aiuta tanto e infatti sono molto contento anche della fiducia che mi dà lui, della fiducia che mi ha dato il Torino”. Non solo l’allenatore e la società, ma anche il popolo granata,  che lo ha fin da subito lo ha accolto con grande calore “Non ho giocato tantissimo ancora e vedo che i tifosi mi vogliono già bene. Anch’io voglio fare grandi cose per loro”.

“Voglio lavorare su finalizzazione e fisico”

Un ragazzo solare che ha tanta voglia di migliorarsi. In questi primi mesi al Toro ha già tastato un po’ di Serie A e ha già capito quali sono i punti in cui deve crescere per restare a questo livello “Voglio lavorare sulla finalizzazione. Con il mister lavoriamo tanto. Anche a fine allenamento, quando eravamo a Torino, mi diceva sempre “Demba fermati e vai a lavorare nell’altro campo a finalizzare, visto che l’uno contro uno ce l’hai già”. Quando giochiamo lui mi dice “Quando hai la palla vai in uno contro uno. Se perdi la palla, non fa niente”. Un altro aspetto è quello fisico, certamente differente rispetto alla sue esperienze pregresse: “Il mister mi dice “Demba, quando tu hai la palla in uno contro uno, vai via sempre. Quando arrivano da dietro sei molto leggero” Quindi devo lavorare ancora sul fisico e 80 chili non bastano”.

Demba Seck
Demba Seck
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 27-07-2022


63 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ardi06
ardi06
23 giorni fa

Ma visto che caire si butta sui giovani, ad horvath che è il 2002 migliore che abbiamo ed è pure trequartista, gli e lo rinnova sto contratto in scadenza nel 2023 o no?

ardi06
ardi06
23 giorni fa

Pensare, quanto meno a livello tecnico e psicologico, di avere un allenatore di questa caratura, ma a differenza dell’Atalanta, dietro di lui, una società che è l’esatto contrario di quella bergamasca a 360 gradi, fa venire male al cuore

giorgione
giorgione
23 giorni fa

Ricci dice che anche senza 6 titolari lotteremo per l’Europa, questo straparla pure. Chissà che gli danno da mangiare

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
23 giorni fa
Reply to  giorgione

0.3giorgione-pez.zente oggi se la prende anche con Ricci

(altro che cairo)

Torino, l’allenamento a Waidring: Radonjic ancora a parte

VIDEO / L’arrivo del Torino a Seekirchen