Singo, dopo il calo dell’ultimo periodo è partito dalla panchina contro la Lazio. Il metodo di Juric ha portato i risultati sperati

Le battute d’arresto arrivano per tutti e lo sa bene Wilfried Singo che ne ha subita una non indifferente di recente. Dopo la carota, Juric ha scelto di optare per il bastone contro la Lazio: il giovane ivoriano è infatti partito dalla panchina, scendendo in campo solo per sedici minuti. Questa scelta un po’ drastica ha portato i frutti sperati, sottolineando ancora una volta la bravura del tecnico croato nella gestione dei talenti più giovani.

Toro, Singo scalzato da Ola Aina nell’ultimo periodo

Dopo un buon campionato, l’esterno granata ha tirato il freno a mano, calando drasticamente nell’ultimo periodo. Il suo scarso rendimento ha costretto ad un cambio nelle gerarchie, facendo tornare in auge Ola Aina, messo nel dimenticatoio dopo il rientro dalla Coppa d’Africa. Minare il suo posticino ritagliato con premura e lavoro è servito a risvegliare in lui quell’agonismo utile alla causa granata che o ha spesso contraddistinto. È così che Juric lo ha ritrovato, in particolare contro l’Atalanta, dove è rimasto in campo per 90′.

Toro, Juric torna a elogiare il giovane ivoriano

“Singo ora è un altro giocatore rispetto ai primi tempi. Aggiustare le difficoltà di inizio anno non era facile“, queste le parole utilizzate dal tecnico granata per definire Singo dopo il recupero con la dea, sintomo di grande soddisfazione per il livello raggiunto. Sentirne parlare di nuovo dopo diverso tempo è un segnale molto positivo, che fa ben sperare l’ivoriano anche in vista dell’Empoli, prossima avversaria dei granata.

Wilfried Singo
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 30-04-2022


Belotti corre verso Empoli: vuole rientrare

Da Jonathas a Niang e Fares: gli affari tra Mino Raiola e Cairo