Spalletti: "È una partita da vincere per restare in corsa su tutti i fronti"

Spalletti: “È una partita da vincere per restare in corsa su tutti i fronti”

di Giulia Abbate - 18 Febbraio 2017

Il tecnico della Roma Spalletti: “All’andata loro erano nella miglire condizione poi ha fatto la differenza l’applicazione e il modo di lavorare”

Torna a parlare, alla vigilia del match contro il Toro di Mihajlovic, il tecnico giallorosso Luciano Spalletti che analizza così il momento della Roma dopo la partita contro il Villarreal: “Se cambierò qualcosa dopo la partita contro il Villarreal? Il mio non era un riferimento al Torino ma a questo periodo, poi è chiaro che qualche piccola differenza, e non di valore degli uomini, può essere fatta sull’utilizzo degli uomini. Chi ha giocato più spesso ha più possibilità di gestire la fatica o di essere al massimo dentro la partita stessa. Il risultato dell’andata con il Villarreal cambia qualcosa, ma abbiamo a che fare con un gruppo forte. E’ quello che miravo all’inizio, in parte: la nostra forza. Abbiamo a che fare con un gruppo di calciatori che può arrivare in fondo in tutte le competizioni, che può far vedere la forza che ha su tutti i fronti. Non si potrà dire che in quella partita lì, purtroppo, non eravamo al massimo perchè mancavano 2 giocatori. A noi non ci manca nulla. Dobbiamo far bene in qualsiasi partita“.

All’andata il Toro ha giocato una delle più belle partite del campionato: “Non è l’uomo in più o l’uomo in meno a fare la differenza, ma un modo di essere. Non dimentichiamo che in quel momento lì avevamo trovato un Torino in splendida condizione e noi non eravamo al meglio della condizione. Poi ha fatto differenza l’applicazione e il modo di lavorare. Quello che un po’ si pensa diventa fondamentale. Può anche voler dire che bisogna fare attenzione, è una partita da vincere per restare in corsa su tre fronti come divevamo prima. Purtroppo non ci resta altro risultato che la vittoria e questa dovrà passare per una buona prestazione, sicuramente diversa da quella della gara d’andata“.

E sulla formazione: “Sì, Salah, Perotti e Paredes possono giocare dal primo minuto ma visto che c’è stato poco tempo, devo rendermene conto oggi. Devo rendermi conto di chi è riuscito a ‘pulire’ qualcosa e fare valutazioni momentanee, tenendo conto dei numeri precedenti e di più cose. Nell’allenamento di oggi posso convincermi su qualche dubbio che ho, non ho così chiara la situazione prima dell’allenamento e durante la giornata di domani. Ma questi giocatori possono sostituire gli altri, sicuramente, anzi sono tra quelli che hanno un minutaggio corretto che non li mette in difficoltà. Mario Rui, ad esempio, ha il problema che non l’ho fatto giocare così spesso e può darsi che, nel ritmo indiavolato dei 90′ per la ricerca del risultato, può dare qualcosa di meno, in funzione del suo utilizzo. Vermaelen? Thomas ha questo problema alla mano, che gli si sta calcificando ed è in via di guarigione. Si può rischiare ma ogno giorno che passa il rischio diminuisce. Se gli facciamo tardare qualche iorno è meglio, ma se serve può giocare, ha dato la sua disponibilità. La sua esclusione in Coppa è stata ragionata, ora è passato qualche giorno di più. Per giovedì sarà a posto, è stato fatto un esame radiografico e per essere perfetti serve qualche giorno. Si sta attenti nei limiti del possibile, visto quello che ci sta succedendo… E bene tenere in considerazione la strada che i nostri medici ci dicono di seguire. Grenier invece si è visto negli allenamenti che va in difficoltà sulla resistenza, manca dal calcio giocato da tempo ma prima o poi va utilizzato, fa parte delle valutazioni di cui dicevamo prima, tenendo conto che questa partita sarà da vincere“.

1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
T
T
3 anni fa

Manco le parole di rito sulla partita/avversario difficile… si stanno proprio cagando sotto…