I Top e Flop di Torino-Sassuolo 2-1, Serie A 2019/2020

I Top e Flop di Torino-Sassuolo: è un Toro formato Zaza ma gli infortuni…

di Giulia Abbate - 26 Agosto 2019

I Top e Flop di Torino-Sassuolo 2-1 / Il Toro vince all’esordio grazie alla coppia Zaza-Belotti. C’è preoccupazione per Ansaldi e Bonifazi

Inizia benissimo il campionato del Torino che contro il Sassuolo, alla prima uscita stagionale, regala ai tifosi i primi 3 punti. Ottima la prestazione di Zaza e Belotti autori delle due reti che hanno consegnato la vittoria nelle mani della formazione di Mazzarri, ottimo l’atteggiamento dei granata che, nonostante un vistoso calo nel finale, hanno stretto i denti e portato a casa il risultato. Le note negative però non mancano: pesano gli infortuni di Ansaldi e Bonifazi così come la rosa troppo corta per affrontare impegni così ravvicinati. Qualche dubbio anche sulla gestione del “caso Nkoulou”.

Torino-Sassuolo 2-1: i Top

Buona la prima. Dopo il Ko in Europa ci si aspettava una rivalsa immediata e così è stato. Alla prima di campionato il Toro non delude, supera il Sassuolo per 2-1 non senza qualche fatica di troppo e porta a casa i primi tre punti stagionali. Una vittoria importantissima soprattutto per il morale in vista del ritorno contro i Lupi.

Zaza. Il giocatore spento dello scorso anno è solo più un brutto ricordo. Zaza si è risvegliato e in un mese ha segnato 4 reti: tante quante ne ha siglate la scorsa stagione. Un inizio che fa pensare che l’attaccante sia davvero vicino all’obiettivo riscatto. Ora bisogna continuare su questa strada ma intanto ha strappato, meritatamente, i primi veri e sinceri applausi dei suo “nuovi” tifosi.

L’intesa con Belotti. Conclusione di Belotti, deviazione involontaria di Zaza, gol. La seconda rete del Toro contro il Sassuolo sarebbe da assegnare, si potesse, per metà al Gallo e per metà al compagno di reparto. Un segno che, come continuano a confermare gli stessi protagonisti, l’intesa si sta davvero affinando sempre di più. Si trovano i due bomber, anche quando non si cercano di proposito: segnali che non possono non essere incoraggianti.

L’atteggiamento del Toro. Il vero Toro, quello che soffre ma stringe i denti e alla fine può festeggiare è venuto fuori contro il Sassuolo, soprattutto nei minuti finali quando la stanchezza e gli impegni ravvicinati si sono fatti sentire sulle gambe dei giocatori. Ma no, Belotti e compagni non potevano sprecare l’occasione. Non dopo la sconfitta europea e soprattutto non a ridosso di una sfida in cui servirà esattamente questo atteggiamento per compiere il miracolo: questo è il Toro che dovrà affrontare i Wolves.

Torino-Sassuolo 2-1: i Top

Gli infortuni. La più grave nota negativa della prima domenica calcistica arriva dall’infermeria granata. Fuori Ansaldi per un problema al flessore della gamba destra, fuori Bonifazi poco dopo per un infortunio che Mazzarri si augura non grave. Una tegola difficile da sopportare in una settimana così importante per il Toro. Una tegola che mette ancora più in evidenza il problema di una rosa ristretta.

Stanchezza e rosa corta. Tre impegni ravvicinati in una settimana pesano eccome e lo si è visto nelle facce e soprattutto nelle gambe dei giocatori che ieri sera hanno difeso con i denti il 2-1 contro il Sassuolo. Troppo poche le alternative in panchina, troppo pochi i cambi a disposizione di Mazzarri per poter davvero affrontare al meglio due, o si spera tre, competizioni in una sola stagione. Il Gallo, stremato a fine partita e disteso sul campo al fischio finale, è l’emblema di questo Toro: battagliero sì, ma già troppo stanco per essere solo alla prima di campionato.

Il caso Nkoulou. A pochi giorni dalla sfida contro il Wolverhampton, dalla partita in cui il Torino dovrà compiere un’impresa per poter continuare il proprio cammino europeo, polemiche e battibecchi non sono certo gli ingredienti migliori da buttare nel calderone. Eppure, il “caso Nkoulou” non può non tenere banco: il giocatore è sul mercato? Oppure resta ma deve davvero chiedere scusa, come sostenuto dal presidente Cairo, per il suo comportamento? La risposta la darà la società ma intanto serve rasserenare gli animi, e subito.