Top & Flop di Torino-Chievo: cosa è andato e cosa no al “Grande Torino”

di Valentino Della Casa - 27 Novembre 2016

L’attacco segna ancora, di nuovo un gol subito da calcio piazzato. Ecco i Top & Flop della partita vinta dai granata, ora al quarto posto

Un 2-1 importantissimo, quello di ieri, tra Torino e Chievo Verona. La compagine granata riesce infatti a ottenere altri tre punti (è la terza vittoria consecutiva), salendo al quarto posto e confermando di avere un attacco super. Non mancano, però, alcune macchie a un periodo comunque d’oro. Ecco i Top & Flop della gara di ieri contro i clivensi.

TOP

22: un numero magico, che sembra destinato ad aumentare ancora. Sono questi i gol segnati dal solo tridente del Toro: 10 Belotti, 7 Iago Falque, 5 Ljajic. La doppietta di ieri dell’attaccante spagnolo ha permesso di incrementare ancora il bottino non solo personale, ma di tutta la squadra granata, che vanta ora tra l’altro il miglior attacco di tutta la Serie A. Il secondo gol, poi, è un gesto di pregevole fattura. Davvero, quei tre là davanti sono un pericolo per chiunque. E sono gioia per gli occhi dei tifosi.

LA CAPACITA’ DI SAPER SOFFRIRE: non è così banale. Il Toro nel secondo tempo ha cercato di fare da subito una cosa che solitamente non riusciva, cioè addormentare la partita. Il problema è che quando ha poi calato troppo il ritmo, cioè nei minuti finali, ha subito gol. Ma in generale, bravi sono stati i granata a chiudere gli spazi a un avversario davvero molto pericoloso, finora quello che più di tutti ha messo in difficoltà la squadra al “Grande Torino”. Questo, più ancora che l’ottimo primo tempo, è un dettaglio che merita di essere considerato.

BARRECA, DI NUOVO: contro il Crotone la sua assenza non si è sentita troppo, anche vista la caratura tecnica degli avversari. Ieri, contro il Chievo, è stato determinante. Ha ripreso esattamente da dove si era fermato, il terzino, continuando  dimostrare di essere un giocatore non solo pronto, ma potenzialmente tra i migliori all’interno di tutta la Serie A. Sgroppate sulla fascia a non finire, ottimi interventi difensivi (ma quel tocco di mani in area…) e soprattutto ottimi cross, che a Torino mancavano da tempo. Al Torino serve un terzino mancino, vero, ma che possa essere una riserva adeguata di questo giovane prodotto del vivaio granata, che sta diventando una certezza ogni domenica che passa.

FLOP

L’ENNESIMO GOL FOTOCOPIA: non c’è niente da fare, il Toro continua ad avere questa pecca e non riesce a levarsela di dosso. Ancora ieri, infatti, i granata hanno subito una rete di testa e da calcio piazzato. Basta un minimo di calo di concentrazione e, a 5′ dalla fine, la frittata avrebbe rischiato di essere fatta. Problema di testa? Di uomini? Non si capisce, ma il dato (preoccupante) resta. Il Toro ha rischiato di gettare alle ortiche un’occasione ghiotta per fare un salto in avanti notevole in classifica. Ci è riuscito, alla fine; ma che patemi.

L’ARBITRAGGIO DI CHIFFI: al di là degli episodi che hanno danneggiato il Chievo, la direzione di gara è sembrata confusa da subito. Prima, molta fiscalità e ogni contatto praticamente fischiato; poi, arbitraggio alla inglese. Insomma, è sembrata mancare una linea di continuità nella gestione della gara, che ha danneggiato in realtà entrambe le squadre (ha comunque ragione il Chievo e recriminare). Prestazione decisamente da rivedere.

IL “GRANDE TORINO” SCIVOLOSO: quante volte sono caduti i giocatori, durante la partita. Spesso in momenti determinanti. Nel secondo tempo, ad esempio, Valdifiori non è riuscito a restare in piedi dopo aver ben dribblato due avversari, scivolando sul terreno di gioco; e sempre nella ripresa una zolla che si è alzata ha impedito a Obi di presentarsi a tu per tu davanti a Sorrentino. Lo stesso anche per i giocatori del Chievo: tra zolle e tacchetti sbagliati, il terreno di gioco ieri non è sembrato impeccabile.

più nuovi più vecchi
Notificami
Bacigalupo1967
Utente
Bacigalupo1967

top l’infortunio di Bonucci
Flop starà fuori solo 2 mesi

VincenT
Utente
VincenT

il terreno se lo copri per non farlo inzuppare visto la copiosa acqua che è piovuta non respira e si stacca il manto perché le radici si indeboliscono. Comunque non mi è piaciuto nessuno, ho visto una squadra slegata dove giocavano a fare il fenomeni individualmente, Iago gesto tecnico e… Leggi il resto »

thethaiman
Utente
thethaiman

Top) Iago Falque, un goal del genere vale da solo il prezzo del bilietto, poco enfatizzato dai media…..ma se l’avesse fatto un merdino chissà quali paragoni avrebbero tirato fuori…

thethaiman
Utente
thethaiman

Bilietto è il fratello minore di Billy:-)

T
Utente
T

Vero! Tutti gli organi di stampa a rompere le palle su un fuorigioco inesistente sul primo gol, e nessuno a dire mezza parola su un capolavoro, che rivisto alla tv è ancora più spettacolare di quanto avevo visto dal vivo! Il vero episodio che ha determinato il risultato è stato… Leggi il resto »