Torino, Barreca punta la Spal: Mazzarri può lanciarlo dal primo minuto

2
Barreca Torino
CAMPO, 18.3.18, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, Serie A, TORINO-FIORENTINA, nella foto: delusione Antonio Barreca

L’ultima volta fu in Fiorentina-Torino, 200 giorni fa: ora per Barreca potrebbe arrivare una nuova opportunità per riscattare una stagione sfortunata

Per evitare una stagione da desaparecido ad Antonio Barreca restano due chance. Due partite per dare un segnale al Torino, ma soprattutto per ritrovare un pizzico di quella fiducia certamente intaccata da un’annata di ‘botte’ psicologiche notevoli. La situazione attuale è chiara: il ragazzo è rientrato in gruppo da ormai una settimana e, passo dopo passo, sta cercando di ritrovare la condizione migliore possibile dopo l’ennesimo stop muscolare nel quale è incorso il 19 aprile scorso. Contro il Napoli, Mazzarri aveva pensato di schierarlo dal 1’: un dubbio rimasto in piedi fino all’ultimo e poi risolto con una nuova esclusione. Contro la Spal, però, l’esito sembra poter essere diverso. Ci sarà una settimana in più di allenamenti con il gruppo nelle gambe, non ci saranno le frecce accuminate della faretra di Sarri, ma quelle meno sicure della squadra di Semplici (tanto più che mancherà Lazzari, su quella corsia). Insomma, potrebbero davvero esserci le condizioni per ritrovare la maglia da titolare. A 200 giorni dall’ultima volta.

Torino, Barreca e un calvario interminabile. L’infortunio all’adduttore ha condizionato la stagione

Sì, perché Barreca non disputa una gara ufficiale, partendo nell’undici titolare, dal 25 ottobre 2017. Era il Torino di Mihajlovic, nella sua versione crepuscolare. I granata uscirono sconfitti per 3-0 dalla gara contro la Fiorentina e il terzino classe ‘95, evidentemente imballato dai problemi fisici solo parzialmente smaltiti, causò il rigore del tris viola e contestualmente venne espulso. Da lì in poi, la pubalgia tornò a farsi sentire. Un dolore persistente, difficile da combattere. A gennaio arrivò l’occasione contro l’Atalanta, visto l’infortunio di Ansaldi al quarto d’ora, ma la maggior brillantezza degli orobici lo mise in forte difficoltà. Altre panchine, nuove terapie, un recupero che piano piano procedeva, nonostante qualche ricaduta. Con Mazzarri, i primi minuti arrivano contro Roma e Fiorentina. Poi ecco la mezz’ora di Crotone e i deludenti venti minuti di Verona. Spezzoni o poco più. Troppo poco per valutarlo.

Barreca per il rilancio: contro la Spal occasione per il futuro

Ecco perché queste ultime due gare assumono una valenza particolare. Anche in vista della prossima stagione. Partire con qualcosa di più rispetto ai soli 500’ accumulati finora potrebbe essere buon carburante per il ritiro venturo. Soprattutto se contro Spal e Genoa – qualora Mazzarri scegliesse di rilanciarlo – dovessero arrivare segnali convincenti. Barreca scalpita, la Spal è nel mirino. Dopo la sfortuna, spera in un’occasione dal primo minuto.

  Iscriviti  
più nuovi più vecchi
Notificami
Alberto Fava
Utente
Alberto Fava

Io mi auguro che non lo vendano, e che torni a farci vedere le sue qualità migliori.
Quelle che abbiamo potuto apprezzare al suo ritorno da Cagliari.

mas63simo
Utente
mas63simo

Ragazzo che nelle giovanili nasceva punta quindi più adatto al nel 3412 come est. sx al posto di Berenguer ma per giudicarlo meglio avrebbe bisogno di continuità e non 1 o 2 partite a spot