Torino-Cagliari si gioca: ecco cosa dice il regolamento - Toro.it

Torino-Cagliari si gioca: ecco cosa dice il regolamento

di Andrea Piva - 17 Ottobre 2020

Torino-Cagliari non è a rischio: prima della partita tutti i calciatori granata e i vari membri dello staff si sottoporranno a nuovi tamponi

I tre casi di positività al Covid-19 riscontrati al Torino (un calciatore della Prima squadra e due componenti dello staff, tutti al momento asintomatici) al momento non mettono a rischio lo svolgimento della partita di domani contro il Cagliari. Tutti i giocatori, oltre che tutti i componenti dello staff, dovranno ora sottoporsi a nuovi tamponi. Torino-Cagliari, quindi, resta in programma per domenica 18 ottobre alle ore 15, come da calendario.

Rinvio partite per il Covid: il regolamento

Perché una società possa richiedere il rinvio di una partita, come fatto dal Genoa prima della gara proprio con il Torino (la gara verrà recuperata a novembre), devono risultare positivi al Covid-19 almeno dieci calciatori (tra tutti quelli a cui è stato assegnato un numero di maglia) nell’arco degli ultimi sette giorni. Solamente in questo caso il regolamento prevede l’ipotesi del rinvio. Al momento non risulta essere il caso della società granata. Ecco il regolamento stilato dal Consiglio di Lega del 30 settembre / 1 ottobre:

  1. qualora uno o più calciatori dello stesso Club risultassero positivi al virus SARS-CoV-2 la gara – fermo quanto previsto ai punti 4 e 5 – sarà disputata secondo il calendario di ciascuna competizione, purché il Club in questione abbia almeno tredici calciatori disponibili (di cui almeno un portiere), e alla condizione che i suddetti calciatori siano, in ogni caso, risultati negativi ai test che precedono la gara in questione in ossequio al Protocollo della Federazione Italiana Giuoco Calcio;
  2. il numero di tredici calciatori disponibili (di cui almeno un portiere), di cui al punto 1 che precede, sarà computato tenendo in considerazione tutti i calciatori tesserati per il Club in questione ai quali sia stato assegnato il numero di maglia.
  3. qualora il Club non sia in grado di schierare una squadra con il suddetto numero minimo di calciatori (pari a tredici, di cui almeno un portiere), quest’ultima – fatto salvo quanto previsto nei punti 4 e 5 – subirà la sanzione della perdita della gara con il punteggio di 0-3, senza che possa, però, applicarsi l’ulteriore penalizzazione di un punto in classifica nell’ipotesi in cui tale impossibilità dovesse manifestarsi più volte nel corso della medesima stagione sportiva;
  4. qualora, in un arco temporale di sette giorni consecutivi di calendario, dieci o più calciatori del Club – ai quali sia stato assegnato il numero di maglia – dovessero risultare positivi al virus SARS-CoV-2, il Presidente della Lega Nazionale Professionisti Serie A disporrà automaticamente il rinvio della prima gara utile nella quale sarà impegnato il Club, che sarà riprogrammata in una data stabilita insindacabilmente dal Presidente stesso;
  5. il rinvio di cui al punto 4 che precede sarà concesso a ciascun Club per una sola volta nel corso della stagione sportiva e ciò indipendentemente dalla competizione nel quale esso sia disposto (salvo che non si tratti della Supercoppa di Lega, delle semifinali e della Finale di Coppa Italia per le quali il Presidente della Lega Nazionale Professionisti Serie A disporrà automaticamente un ulteriore ed autonomo rinvio – uno per ciascuna delle due competizioni – in favore di ogni Club in gara e, dunque, anche nell’ipotesi in cui uno di essi abbia già beneficiato in precedenza del rinvio), con la conseguenza che, per tutte le gare successive all’intervenuta concessione del rinvio (ad eccezione della Supercoppa di Lega, delle semifinali e della Finale di Coppa Italia), il Club, anche nell’ipotesi in cui vi sia la positività di dieci o più calciatori (insorta nell’arco temporale di sette giorni), dovrà disputare tutte le suddette gare nell’ipotesi in cui disponga di tredici calciatori – come individuati al punto 2 – mentre, in difetto di tale disponibilità, subirà la sanzione di cui al punto 3;
  6. il dies a quo per il computo dei sette giorni è quello nel quale viene riscontrata la prima positività e, decorsi i sette giorni dalla riscontrata positività, il singolo calciatore non sarà, comunque, più considerato nel computo delle dieci unità di cui al punto 4;
  7. ciascun Club, per ottenere il rinvio di cui al punto 4 (nonché quelli ulteriori di cui al punto 5 – uno per competizione – per la Supercoppa di Lega e per le semifinali e Finale di Coppa Italia), dovrà inviare a mezzo pec alla Lega Nazionale Professionisti Serie A la documentazione comprovante le riscontrate positività.
Joao Pedro e Armando Izzo
Joao Pedro e Armando Izzo

2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
io
io
8 giorni fa

nella disgrazia speriamo almeno che il positivo non sia uno dei pochi validi che abbiamo !

Lewishenry - #conCairononmiabbono (neancheasky)
Lewishenry - #conCairononmiabbono (neancheasky)
8 giorni fa
Reply to  io

😂😂