Djidji ha giocato all’Olimpico di Roma la sua miglior stagione. Sabato tornerà, ma contro la Roma. Dovrà ripetersi per rimediare

L’errore commesso da Djidji contro la Fiorentina è costato molto al Torino, che è uscito dalla Coppa Italia, lasciandosi scappare ancora una volta l’occasione di poter competere per entrare in Europa League da un’altra strada. L’ivoriano però ha l’occasione di rimediare al suo sbaglio nello stadio dove si è reso autore della sua miglior prestazione. Quella contro la Lazio è infatti stata la partita perfetta per lui, uscito da quello stadio con la nomina di migliore in campo tra i granata. Adesso lo aspetta l’altra squadra della Capitale, la Roma e non sarà sicuramente facile. Sembra infatti che Djidji prediliga le sfide contro le big di Serie A, perchè mantiene meglio la concentrazione ed è più preciso. Ha difficilmente commesso errori gravi in questi suoi primi mesi in Serie A ed il Torino ha in serbo per lui il rinnovo del contratto. Contro la Roma potrebbe perciò spiccare ancora una volta in positivo, come con i biancocelesti ed il Milan, confermandosi una delle migliori scoperte di questa stagione 2018-2019.

Djidji motivato dai big match come il Toro

I big match sono sempre complessi, ma a volte chi la dura la vince, o almeno, non perde. E’ il caso del Torino, che si è dimostrato ostico in più occasioni, mettendo in difficoltà gli avversari più forti sulla carta, andando vicino alla vittoria (vedi Inter-Toro, Milan-Toro, il derby, Lazio-Toro). Questa motivazione in più sembra essere un caratteristica comune a diversi membri della formazione granata, ma in particolare spicca quando si parla di Djidji. l difensore granata sembra acquisire una marcia in più contro avversari di un certo calibro e lo ha ampiamente dimostrato con Milan e Lazio.

Con la Roma può ritrovare quella spinta in più che gli è mancata contro la Fiorentina, in particolare nel finale dopo l’uscita di Nkoulou per motivi di salute, che ha aperto una crepa nel muro granata. Visto quanto di buono fatto fino ad ora da Djidji, non gli si può recriminare molto: la scommessa del Torino ancora una volta è stata vinta.

Djidji, un girone d’andata dove ha fatto la differenza

Dopo un inizio poco incisivo a causa delle tempistiche di adattamento alla Serie A, al Torino e a Mazzarri, Djidji si è conquistato match dopo match un posto da titolare, che gli vale anche il riscatto ed un contratto rinnovato. Il Torino non ha infatti intenzione di privarsi dell’ivoriano, sempre più indispensabili tra le fila della difesa granata. Nel girone di andata ha totalizzato 12 presenze tra Coppa Italia e Campionato.

Un infortunio l’ha fermato contro l’Empoli, ma con la Lazio era già tornato ad uno stato di forma, migliorato ulteriormente con la pausa natalizia. Sembra che il Toro sia l’ideale per lui, che sta già facendo la differenza. Si spera continui già con la Roma sabato.


3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Zaccarelli
Zaccarelli (@zaccarelli)
2 anni fa

La statistica della partita é ahinoi impietosa, zero, ripeto ZERO tiri nello specchio della porta viola. Fiorentina che ha fatto 2 tiri nel primo tempo e ricevuto 2 regali negli ultimi 10 minuti. Tutti questi corsi e teorie sul gioco del calcio con grandi dibattiti e teoremi di Euclide sono… Leggi il resto »

thethaiman
thethaiman (@thethaiman)
2 anni fa

In ogni caso Simeone è veloce ed era fresco come una rosa, il nostro 87 minuti sulle gambe. Certo che si era disposti male e lui poteva fare pure fallo (ovviamente sarebbe stato espulso) ma continuare a menarla con gigi significa anche non aver compreso bene la prestazione generale. Marchini,… Leggi il resto »

pennina
pennina (@pennina)
2 anni fa

il suo è un errore molto relativo… simeone è partito come un treno e lui aveva solo una possibilità, falciarlo in qualche modo… c’ha anche provato ma il fisico è quello che è e dovesse ricapitare non credo che l’esito cambi granché…

Edera, ennesima panchina che sa di addio: per l’attaccante c’è la fila

Toro, a Roma con uno sguardo alla classifica: per l’Europa iniziano gli scontri diretti