Torino-Fiorentina, Falque sfida Chiesa: pochi gol ma il loro apporto è fondamentale

di Giulia Abbate - 13 Gennaio 2019

Il duello di Torino-Fiorentina / Iago Falque e Federico Chiesa non stanno segnando tanto quanto la passata stagione ma sono imprescindibili

Mancano poche ore a Torino-Fiorentina, sfida che porrà fine alla pausa invernale. Un match che riporterà le due formazioni in campo, sul terreno del Grande Torino, con l’obiettivo di conquistarsi il passaggio ai quarti di finale di Coppa Italia e riprendere così nel migliore dei modi la stagione. Un’occasione troppo importante per pensare ad eventuali turnover: i due tecnici, infatti, si affideranno quasi certamente ai titolarissimi per giocarsi il passaggio del turno e tra loro figureranno con tutta probabilità anche Iago Falque e Federico Chiesa. E sarà proprio questa una delle sfide che animeranno il pomeriggio di Coppa Italia.

Falque, per il Toro è fondamentale ma servono i gol

Quando non è in campo se ne sente la mancanza e quando viene chiamato in causa la partita, puntualmente, cambia volto. Iago Falque è certamente uno degli uomini più importanti e incisivi della formazione di Mazzarri che anche contro la Fiorentina si affiderà alla classe dello spagnolo per scardinare le difese viola. Un punto fermo che, tuttavia, deve ancora ritrovare la sua forma migliore soprattutto sotto porta. Il bottino stagionale, 3 gol e 6 assist, è ben distante da quello ottenuto nelle due passate stagioni ma il campionato è ancora lungo e l’attaccante avrà ancora molte occasioni per tornare a interpretare il ruolo del bomber granata. La prima, questo pomeriggio, contro la Fiorentina.

Chiesa, segna poco ma il suo apporto è fondamentale

Se Iago Falque fatica più del solito a trovare la via del gol, lo stesso si può dire del pupillo di Pioli, Federico Chiesa. Figlio d’arte, l’attaccante viola è certamente stato uno dei migliori prospetti della prima parte di stagione in casa Fiorentina ma il suo apporto in zona gol è decisamente inferiore alle aspettative. Tuttavia, le sue accelerazioni e gli spunti per i compagni di reparto si sono dimostrate una spina del fianco per molti avversari. Un pizzico di sano egoismo e la sfrontatezza data dalla giovane età completano il profilo di un attaccante a cui i difensori del Toro dovranno fare più che attenzione.

X