Torino, cambio Ansaldi-Aina nei tempi giusti: ecco perchè

Ansaldi-Aina cambio tardivo? No. Ecco perché

di Veronica Guariso - 11 Febbraio 2020

Il cambio Ansaldi-Aina ha fatto molto discutere per la scelta dei tempi da parte di Longo. Ecco perché invece il cambio non è stato tardivo

Tra le cose che più hanno fatto discutere della partita contro la Sampdoria da parte del Torino c’è anche il cambio Ansaldi-Aina. Già con Mazzarri le sostituzioni sono diventate oggetto di forte critica da parte dei tifosi, scontenti di alcune scelte e delle tempistiche, spesso considerate tardive. Anche con Longo non sono mancate le lamentele. L’argentino è entrato al 75′, secondo molti troppo tardi. In realtà però l’intenzione del nuovo tecnico granata era tutt’altra: Ansaldi, fosse stato per Longo, non sarebbe nemmeno sceso in campo.

La spiegazione di Longo sul cambio

Longo ha infatti spiegato le sue ragioni nella conferenza stampa post partita: “Avrei preferito anche non fare entrare Ansaldi visto il poco lavoro fatto con il resto della squadra. Dobbiamo recuperare gli altri perché quando si arriva al 65′, 75′ la squadra ha un deficit che state notando quindi qualsiasi dettaglio che ci può far alzare tutti i parametri dobbiamo curarlo e gestirlo nel migliore dei modi. Queste le parole del tecnico: un chiaro riferimento ad Aina, calato vistosamente e troppo stanco per poter proseguire e protagonista dell’errore in uscita che ha portato al gol dell’1-1. L’argentino era quindi da preservare, ma il suo inserimento è stato quasi obbligato.

Il Toro paga l’Europa League e i mancati rinforzi

La condizione fisica della squadra resta una tegola importante per lo staff, che deve trovare il modo di recuperare i propri giocatori, o la stagione rischia di trasformarsi in un vero e proprio incubo. L’Europa League ha tolto energie preziose, ma ora è il momento di recuperare uno stato di forma in grado di garantire un impegno costante per i 90 minuti previsti. La mancanza di rinforzi potrebbe rivelarsi un errore fatale, ma ora tocca a Longo cercare di trarre il massimo da chi ha a disposizione, partendo da coloro che costituiscono le colonne portanti del suo Toro.

0 0 vote
Article Rating

7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
radice10
radice10
5 mesi fa

Tutto previsto, potevamo mica farci sfuggire la critica a Moreno alla sua prima panchina? Ha fatto quello che riteneva più che giusto del resto Ansaldi era fuori da 2 mesi~

Peterpann
Peterpann
5 mesi fa
Reply to  radice10

Esattamente. Se ci dessero un euro per ogni ca….volata che si legge su questo sito saremmo la squadra più forte del mondo.

Cup
Cup
5 mesi fa

Bisognava cambiare prima… Cairo!

Vegeta
Vegeta
5 mesi fa

Per me non dovresti mai cambiare in occasione di un calcio d’angolo avversario o di una rimessa a ridosso della propria area; il cambio comporta un attimo di rilassamento per via del momento di mancata tensione agonistica… e se questo succede ai limiti della tua area sono dolori (cosa puntualmente… Leggi il resto »

Mondo
Mondo
5 mesi fa
Reply to  Vegeta

Per me non dovresti mai cambiare un allenatore a fine gennaio non dando al nuovo mister l’occasione per decidere chi deve restare e chi deve arrivare… Tu vedi il truciolo ma stranamente non vedi la trave.

odix77
odix77
5 mesi fa
Reply to  Mondo

quindi in ogni commento in ogni articolo anche che ne so uno che parla di un brufolo di belotti che gli oscura la vista si devono ripetere sempre le stesse identiche cose? fate cosi , mettete tre righe di riassunto standard di coswe che per altro condivido come quella che… Leggi il resto »

Vegeta
Vegeta
5 mesi fa
Reply to  Mondo

Io non avrei mai cambiato Miha ai tempi ne Mazzarri oggi… sfondi una porta aperta con me….