Adam Masina ha parlato al termine dell’evento Suzuki a cui ha partecipato con Adrien Tameze presso lo Stadio Olimpico Grande Torino

Giornata a cura dell’ambiente quella che hanno trascorso Adam Masina e Adrien Tameze. I due calciatori granata hanno infatti partecipato a un evento Suzuki che li ha visti piantare degli alberi in Piazza d’Armi, nei pressi dello stadio. A margine dell’evento il difensore ex Udinese ha parlato ai microfoni di Toro.it.

Le parole di Masina

Masina ha parlato così del Derby e del campionato del Toro:

“Per arrivare pronti al Derby bisogna passare da una grande prestazione con l’Empoli per arrivare con le energie giuste. Poi penseremo a una partita importantissima per la gente di Torino. Ora testa a Empoli perché sarà una partita molto difficile in casa loro e vorranno fare punti. Come dicevo è bello respirare questa carica, in cui tanti tifosi ti fermano e chiedono il massimo impegno. Questo non è mai mancato e non mancherà, neanche contro la Juve. Quest’anno dovremo arrivare alla fine con grande carica e sperare di portare a casa più risultati possibili.

A Torino mi sono trovato molto bene, la città è molto accogliente e vivibile. Lo stadio l’ho visto sempre pieno. Molti ragazzi mi hanno detto che quando vai via il Toro è come una seconda pelle e io sto vivendo esattamente questa sensazione. Mi piacerebbe rimanere perché ci siamo ambientando molto bene, poi non sappiamo cosa ci riserverà il futuro. La società ha un’opzione ma ora non ho parlato né con il mio agente né con il direttore. Comunque ci penseranno loro e non credo ci sarà alcun tipo di problema.

Il mister ci ha sempre detto che il suo obbiettivo è portarci in Europa. Se guardiamo troppo lontano potremmo dimenticarci dell’importanza delle partite settimanali. Ora dobbiamo concentrarci su queste e poi vedere alla fine dove saremo. Spirito Toro? Credo sia il dare il 100% fino alla fine”.

Torino e le passioni personali

Il difensore ha poi parlato della città e delle sue passioni, che condivide con altri membri dello spogliatoio: “Una delle piazze che preferisco in assoluto è Piazza San Carlo. Quando ho girato l’angolo sono rimasto sorpreso e quello squarcio mi è rimasto. Siamo andati al Museo Egizio, mia figlia è rimasta molto impressionata e ora vuole parlare solo di mummie e sarcofagi. Motori? Non ho una grande passione, ma comunque mi piace seguire. La filosofia è una passione che ho coltivato alle superiori, mi piace sempre ricordarmi quello che ho studiato. Mi aiuta anche in campo, credo che sia una parte che possa aiutare tutti quanti. Con Buongiorno e Gemello ci stiamo confrontando, loro studiano e vogliono restare aggiornati. Il filosofo giusto per il derby? Non lo so, ci devo pensare e ve lo farà sapere”.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 04-04-2024


15 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
giogranata
giogranata
8 giorni fa

Bene che vengano piantati alberi. Loro sono i polmoni della natura. Fatto questo inciso ambientalistico parliamo di calcio, vah, che è meglio… Io credo, anzi sono certo che, contro la Juventus perderemo l’ennesimo derby della nostra storia. Non c’è storia. Quindi bisogna, assolutamente, vincere contro l’Empoli. Anche se non sarà… Leggi il resto »

Sangueblu
8 giorni fa
Reply to  giogranata

“Non c’è storia?”, è una squadra imbarazzante senza un minimo di gioco, ha perso con udinese e sassuolo ed ha pareggiato con squadre molto più in basso in classifica rispetto a noi. Non cerchiamo scuse ed alibi per favore. E’ una squadra battibile

davidone5
8 giorni fa

Sta facendo bene anche fisicamente, finora non ha avuto problemi fisici, ad 1 mln è da riscattare.

granatadellabassa
8 giorni fa

In linea di massima sarebbe da confermare visto l’ottimo rapporto qualità prezzo. Ma c’è da capire chi sarà il prossimo allenatore.
Poi è anche giusto prendersi due mesi in più per valutare l’integrità fisica.

Le designazioni arbitrali: Empoli-Torino a Massa

Suzuki, 11 alberi di fronte allo stadio per gli 11 anni con il Torino