Con gli addii di Rincon, Baselli e Verdi, che non rientravano più nel progetto tecnico, il Torino risparmierà molti soldi

Dopo la fine della sessione di mercato invernale è il momento di tirare i primi bilanci e in casa Torino, a parte il grave infortunio rimediato da Mohamed Fares al suo secondo allenamento in granata, non si può che essere soddisfatti. Il Toro, oltre al difensore algerino, si è assicurato tre giovani promettenti: Pietro Pellegri, Demba Seck e Samuele Ricci. Ma anche sul fronte uscite il d.t. granata Davide Vagnati ha fatto bene riuscendo a cedere, chi in prestito chi a titolo definitivo, diversi giocatori che non rientravano più nei piani di Juric, risparmiando così molti soldi. Ovviamente va considerato un periodo di 6 mesi. Con la cessione a titolo definitivo alla Sampdoria di Tomas Rincon il Toro risparmierà 700 mila euro. Il centrocampista venezuelano percepiva 1,4 milioni all’anno, così come Daniele Baselli ceduto a titolo definitivo al Cagliari. Anche per lui quindi i granata risparmieranno la stessa cifra. Invece per Simone Verdi, ceduto in prestito alla Salernitana fino a giugno, il club piemontese risparmierà ben 850 mila euro. Infatti, lo stipendio annuale dell’ex numero 24 del Toro era di 1,7 milioni di euro. Tirando le somme i granata risparmieranno circa 2 milioni e 250 mila euro. Una somma considerevole.

Vagnati ha provato fino all’ultimo a vendere anche Izzo e Zaza

Per il Toro è un peccato non essere riuscito a vendere altri due esuberi cioè Armando Izzo e Simone Zaza, nonostante il responsabile dell’area tecnica Vagnati ci abbia provato fino agli ultimi minuti prima del gong che ha decretato la fine del mercato. Entrambi i giocatori fin qui hanno trovato il campo con il contagocce e nelle poche volte che sono scesi sul rettangolo di gioco hanno rimediato prestazioni molto, ma molto deludenti. Izzo è stato vicinissimo prima al Cagliari e poi alla Salernitana, ma le trattative sono sfumate. Mentre per il numero 7 granata c’è stato qualche timido interesse da parte del Venezia e del Genoa, nulla di più. Così il Toro dovrà continuare a pagare lo stipendio, fissato a 1,7 milioni all’anno per tutti e due, entrambi fuori dal progetto tecnico di Juric.

Simone Verdi
Simone Verdi
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 05-02-2022


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Matteo1
Matteo1
3 mesi fa

Maccerto!
Ora basta rimpiazzarli con 3 africani che salgano su a Superga una volta l’anno, per mostrare il loro forte legame con la maglia granata, e il gioco è fatto.
Un lavoretto pulito.

valter1
valter1
3 mesi fa

A mio parere Armando può comunque tornare ancora utile, specialmente in caso di infortuni che a quanto pare si susseguono, zaza si è talmente involuto che farebbe fatica a giocare un qualsiasi scapoli – ammogliati…..

VanDeKorput
VanDeKorput
3 mesi fa

Veramente è almeno il doppio. Quello è il netto che percepiscono

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
3 mesi fa
Reply to  VanDeKorput

esatto E la voce ingaggi è la prioritaria sempre alle voci uscite, nel bilancio di una società calcistica. Abbatere quella significa vivere meglio e avere soldi da spendere altrove (giovani affamati e con ingaggi ancora tollerabili Poi certo, se non li vuoi perdere subito devi poi rinnovare ed elevare il… Leggi il resto »

Pjaca si ferma ancora per il ginocchio, Juric rassicura: “Può tornare ad allenarsi”

Juric ringrazia Bremer, poi rilancia: “Vorrei che quelli come lui firmassero per 5 anni al Toro”