Penultima in classifica e reduce da tre sconfitte consecutive: l’Hellas Verona non è però una squadra da sottovalutare, Milan e Fiorentina lo sanno bene

Verona-Sampdoria 0-0, Torino-Verona 2-2, Verona-Milan 3-0, Fiorentina-Verona 1-4: guardando questi risultati è difficile credere che la formazione gialloblù sia davvero penultima in classifica con appena sedici punti conquistati, ovvero solamente otto nelle ventuno partite non citate. Eppure i numeri dicono questo: parlano di una squadra spesso vulnerabile, come dimostrano anche i 50 gol finora subiti (solo il Benevento ne ha incassati di più, 58), ma che quando è in giornata è capace di giocare partite superlative e ottenere risultati inaspettati: lo dimostrano anche le due vittorie contro il Milan e contro la Fiorentina.

Domenica al Marc’Antonio Bentegodi la squadra di Walter Mazzarri dovrà fare attenzione a non sottovalutare l’avversario e non darlo per vinto prima del triplice fischio. Questo lo ha insegnato anche la partita di andata in cui la squadra di Pecchia, trascinata dall’ex Alessio Cerci, riuscì incredibilmente a pareggiare una partita che, all’89’, vedeva il Torino in vantaggio per 2-0. L’Hellas Verona arriva ora a tre sconfitte consecutive, contro Roma, Sampdoria e Lazio, non può più contare in attacco sull’esperienza di Giampaolo Pazzini né a centrocampo sulle qualità tecniche di Daniel Bessa, ma sa essere imprevedibile con Ryder Matos e Moise Kean.

Nonostante la stagione al di sotto delle aspettative e il fatto che la squadra sia al momento in piena zona retrocessione la panchina di Fabio Pecchia non sembra essere in pericolo. Il tecnico (che nel suo passato da calciatore ha indossato anche la maglia del Torino) crede ancora nella salvezza e finora si è specializzato nel fare punti con le squadre in lotta per un posto in Europa League. Andrea Belotti non dovranno quindi sottovalutare l’impegno.


18 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
vecchiamaniera
vecchiamaniera
4 anni fa

Formazione domenica: Martina-Danova-Ferri-Junior-Francini-Galbiati-Zac-Sclosa-Schachner-Dossena-Serena.
To.’85 ,)

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
4 anni fa
Reply to  vecchiamaniera

Quella era la formazione per la scorsa domenica. Almeno loto si sarebbero messi le scarpette e non le infradito.

vecchiamaniera
vecchiamaniera
4 anni fa

Le scarpette? I Doc Marteens..,)
post.Non potevo non menzionare il tuo magico avatar

Roberto DS63
Roberto DS63
4 anni fa

Il problema è se loro passano in vantaggio….questi si chiudono e noi con 9 difensori quando si segna….

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
4 anni fa
Reply to  Roberto DS63

Fa entrare Vanja, una punizione ed è fatta. Pensa sarebbe il primo al mondo a giocare con 2 portieri. Altro trofeo per il Toro.

fringomax
fringomax
4 anni fa

….la corazzata scaligera….

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
4 anni fa
Reply to  fringomax

Occhio che hanno fatto en-plein contro la Viola del mago Benassi

Edera convince anche Mazzarri: l’ex Primavera scala le gerarchie

Torino, Burdisso: “Ripartiamo subito, siamo a pochi punti dal settimo posto”