Nei minuti finali del derby Edera è stato preferito a Ljajic e Berenguer, ora vuole ritagliarsi uno spazio importante anche con il nuovo allenatore

In estate aveva stupito Sinisa Mihajlovic, nella prima parte di stagione aveva entusiasmato i tifosi con le sue giocate e i suoi gol alla Lazio e alla Roma, ora Simone Edera sta convincendo anche Walter Mazzarri. L’allenatore toscano, dal momento del suo insediamento, ha dovuto aspettare qualche settimana prima di poter vedere cosa fosse in grado di fare il giovane attaccante esterno cresciuto proprio nel vivaio granata che, a causa di un infortunio, ha iniziato ad allenarsi a pieno regime solamente da circa quindici giorni: gli sono però bastate poche sessioni di lavoro per rimanere piacevolmente colpito dalle qualità di Edera e decidere di schierarlo in campo nei minuti finali del derby, preferendolo sia ad Adem Ljajic che ad Alejandro Berenguer.

In estate, quando tra le montagne della Valtellina e quelle dell’Austria il Torino aveva iniziato a preparare questo campionato, nessuno avrebbe immaginato che Edera in pochi mesi sarebbe riuscito a superare nelle gerarchie un giocatore come Ljajic, il cardine del progetto Mihajlovic. Il cambio di allenatore avvenuto a inizio gennaio ha invece permesso di azzerare la scala gerarchica e Edera si è rivelato bravo nel mettersi in luce in allenamento, anche ieri ha realizzato una tripletta nella partitella, convincendo così Mazzarri a puntare su di lui.

Nella prima parte di campionato, con Mihajlovic, Edera ha collezionato cinque presenze in serie A, ora cercherà di trovare maggiore spazio con Mazzarri: il derby di domenica contro la Juventus ha fatto capire che l’attaccante, se continuerà ad allenarsi con lo stesso impegno, di possibilità di mettersi in mostra ne potrà avere ancora tante.


7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ziggistardust
ziggistardust
4 anni fa

Ottimo speriamo giochi sempre di più

fringomax
fringomax
4 anni fa

Bravo Simone

Jones
Jones
4 anni fa

mah che l’abbia inserito nei minuti finali del deby non vuol dire molto,ciò non toglie che sia come dice il titolo,vedremo

L’involuzione di Baselli: senza Mihajlovic è un altro giocatore

Torino, ecco il Verona: squadra pazza con la seconda peggior difesa del campionato